Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Chiesto processo per il sindaco di Castellammare
Accusa rimodulata in favoreggiamento aggravato

Nicolò Rizzo è stato coinvolto lo scorso giugno nel blitz di mafia Cutrara, che colpì la famiglia del Comune del golfo. Sarà il gup di Palermo a decidere sui rinvii a giudizio, nell'udienza che si terrà tra qualche giorno

Redazione

I pm della Dda di Palermo hanno chiesto il rinvio a giudizio per le persone coinvolte nel blitz Cutrara, che nel giugno scorso colpì la famiglia mafiosa di Castellammare del Golfo, nel Trapanese. Tra questi c'è anche Nicolò Rizzo, sindaco del Comune castellammarese, accusato di favoreggiamento aggravato dall'avere favorito Cosa nostra. Sarà il gup di Palermo a decidere sui rinvii a giudizio, nell'udienza che si terrà tra qualche giorno. 

Inizialmente il primo cittadino, ex segretario del Partito popolare, eletto nel 2018 con una lista di centrodestra, era indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, ma adesso i pm palermitani hanno rimodulato l'accusa in favoreggiamento aggravato. Tra gli indagati anche il boss di Trapani, Francesco Virga, detenuto dal marzo 2019 e di recente condannato a cinque anni e cinque mesi di carcere. Ma anche l'ex presidente del consiglio comunale di Trapani, Francesco Di Bono, indagato per estorsione con l'aggravante del favoreggiamento a Cosa nostra. 

Tra le accuse contestate al primo cittadino di Castellammare del Golfo, c'è un incontro del 18 giugno 2019 con il Francesco Domingo, detto Ciccio Tempesta, già condannato per essere stato il reggente della famiglia di Castellammare, nell'abitazione del suocero di Rizzo. Durante l'incontro però il sindaco non aveva il cellulare con sé. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×