Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Femminicidio Scialfa, genitori chiedono riapertura indagini
Collegio difensivo lavora su contatti tra poliziotto e assassino

La 20enne è stata uccisa a Enna nel 2012. Il suo convivente Francesco Lo Presti è stato già condannato a 30 anni di carcere. Un mese fa, la tomba e la stele sono state danneggiate. Gli avvocati adesso indagano su una nuova pista 

Marta Silvestre

Si è costituito un consiglio difensivo per chiedere la riapertura delle indagini sul femminicidio di Vanessa Scialfa, la 20enne uccisa a Enna nel 2012 a Enna dall'uomo con cui conviveva da pochi mesi. Il 34enne Francesco Lo Presti è già stato condannato con sentenza definitiva a trent'anni di carcere. I genitori della ragazza - Giovanni Scialfa e Isabella Castro - chiedono la riapertura delle indagini e, per questo, a un mese dal danneggiamento della tomba e della stele della figlia, hanno dato mandato a un consiglio composto dagli avvocati Eleanna Parasiliti Molica, Patrizia Di Mattia e Mauro Lombardo

Il team legale ha già avviato le indagini difensive e ascoltato alcune persone informate sui fatti. Adesso sarebbe emersa una nuova pista, legata anche ai recenti danneggiamenti, che potrebbe portare alla riapertura delle indagini. Per i genitori di Vanessa, infatti, Lo Presti non sarebbe stato da solo quando ha ucciso la figlia. Nella macchina dell'omicida, a bordo della quale sarebbe stato trasportato il corpo di Vanessa, non sono mai state trovate tracce biologiche anche se sul lenzuolo grigio dove era stata avvolta la giovane c'era una notevole quantità di sangue

Il cadavere, dopo essere stato trasportato nel bagagliaio lungo la statale 122 che collega Enna a Caltanissetta, era stato abbandonato sotto un guard rail vicino alla miniera di Pasquasia. Tra gli obiettivi del consiglio difensivo anche ricostruire le motivazioni per cui un poliziotto non avrebbe riportato nella relazione di servizio sulla morte di Vanessa alcune telefonate che il giorno del delitto avrebbe avuto con l'omicida, che era un confidente della polizia. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×