Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Un libro per chi ha bisogno di ricostruirsi

«Ho provato a scrivere pagine che potessero fare del bene, trasformare gradualmente il nulla in rinascita». È con queste parole che Valérie Perrin descrive il suo fortunato secondo romanzo dal titolo Cambiare l’acqua ai fiori

Vera Navarria

La sua protagonista, Violette Toussaint, si ricostruisce pazientemente, gesto dopo gesto, come quando impara a leggere («È come imparare a nuotare. Una volta appresi i movimenti della bracciata, una volta superata la paura di affogare, attraversare una piscina o un oceano è più o meno la stessa cosa, è solo questione di fiato e allenamento»), e lo fa da un luogo particolare in cui riconciliarsi con la vita. 

Violette è infatti la guardiana del cimitero della cittadina francese di Brancion-en-Chalon. L’atmosfera è quella del Favoloso mondo di Amelie per cui, se non siete tra i fan di Amélie Poulain, tenetevene alla larga. Ma il profumo è anche quello della portineria di Renée, la protagonista dell’Eleganza del riccio, se non fosse che Renée è schiva, Violette aperta, e al cioccolato fondente della prima preferisce un bicchierino di porto. Entrambe, tuttavia, sanno apprezzare i piccoli piaceri della vita, e godono di un punto di vista privilegiato sull’umanità, quale è possibile avere solo nei luoghi di passaggio o che vengono spesso attraversati, come l’androne di un palazzo o il cancello di un cimitero. 

Da questo spazio di confine, tutto è osservabile: «L’odio e la violenza, il sollievo e la miseria, il risentimento e i rimorsi, il dolore, la gioia, i rimpianti, tutta la società, tutte le origini e tutte le religioni su pochi ettari di terra». La casa di Violette ha due porte, una che dà sulla strada - la vita, l’umanità, il chiasso senza filtri - e l’altra sul cimitero, un luogo comunque abitato più dai fantasmi interiori dei vivi che da quelli che popolano i racconti dell’orrore. Il segreto di un’esistenza felice, sembra dirci Violette, è nell’equilibrio tra le due dimensioni della vita e della morte, negli argini che sappiamo costruire per difenderci dalle intemperanze dell’una e dell’altra, e nel modo in cui sappiamo metterle in comunicazione

Attorno alla vicenda principale, se ne sviluppano numerose altre, alcune della lunghezza di una sola pagina, altre di più, e il ritmo, soprattutto nella seconda parte del romanzo, è quello incalzante del giallo. Il successo di Cambiare l’acqua ai fiori è esploso durante il lockdown, in modo in larga parte imprevisto dai suoi stessi editori. Un romanzo di 473 pagine, la cui mole avrebbe spaventato in altri momenti, sarà sembrata rassicurante nella situazione in cui eravamo e siamo ancora, che ci richiede di rimanere a casa il più possibile. Tuttavia, credo che Cambiare l’acqua ai fiori debba buona parte del suo successo proprio a quel titolo molto bello: il titolo giusto, quando tutti avevamo bisogno di trovare risorse interiori per non appassire. 

Consigliato se: Hai bisogno di ricostruirti. Hai bisogno di disfarti di qualche giudizio costruito troppo frettolosamente su una persona. Stai passando un periodo particolare e vuoi ricevere un consiglio di lettura

Hai un libro da consigliarmi? Scrivimi a collabora@meridionews.it

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×