Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lidia Schillaci, la vincitrice di Tale e Quale Show
«Interpretare Mina? Una grande responsabilità»

La cantante cresciuta a Castellammare del Golfo si racconta a MeridioNews. Dal trionfo nel programma Rai al lavoro per il nuovo album. In mezzo il rapporto con i suoi fan e i social. «Se usati con intelligenza sono uno strumento incredibile», dice

Giorgia Lodato

Nonostante sia stato un anno difficile per la musica c’è chi è comunque riuscito a prendersi le sue soddisfazioni. Lidia Schillaci, cantante palermitana classe 84 cresciuta a Castellammare del Golfo, si è portata a casa il trofeo del programma televisivo Rai Tale e Quale Show, esibendosi, oltre che nel ruolo di Lady Gaga, Maria Callas, Giorgia, Whitney Houston, niente poco di meno che nei panni di Mina.  È stata nonna Rosina a intuire per prima la grande passione di Lidia per la musica, quando un giorno, a 5 anni, mentre in casa la radio suonava, la vide precipitarsi vicino all'apparecchio e rimanere incantata sulle note del brano Summertime di Luis Amstrong. Per la prima volta Lidia confida che il suo grande desidero è quello di cantare quei brani. Da quel momento Rosina diventa la sua grande fan. Le regala le prime audio cassette e le basi musicali per cominciare, la sprona a coltivare quella passione che diventerà la sua professione.

«È stata una grande responsabilità ma anche una bella soddisfazione - racconta a MeridioNews - perché oltre a essere la mia cantante preferita, Mina è Mina. Spero sia arrivata soprattutto l’emozione della canzone, Io e te da soli, scritta da Battisti e Mogol. La vittoria mi ha dato tanta carica positiva e una forza incredibile per continuare a lavorare». Per la cantante la prima apparizione in un programma tv risale a quando di anni ne aveva 17. Periodo in cui la madre decise di iscriverla a Operazione Trionfo, condotto da Miguel Bosè e dove ebbe modo di incontrare e di cantare con artisti del calibro di Dion Warwick, Celine Dion, Phill Collins, Tom Jons e molti altri. Al termine del programma conquista il secondo posto sul podio e grazie a questo successo ottiene un contratto discografico con Warner Music Italy.

 «Da un bel po’ - svela - mi sto concentrando sulla costruzione del mio album, ma non mi sono fermata un attimo. A Natale ho aperto la stagione Disney su Rai1, è stato emozionante». I fan nella sua carriera giocano un ruolo fondamentale. Anche grazie al potere dei social network che la cantante ha saputo sfruttare a suo favore. «Ho un bellissimo rapporto con le persone che mi seguono, cerco sempre di rispondere a tutti quelli che mi scrivono e di restare in contatto con loro. Per me è importante esserci ed essere me stessa al cento per cento, per entrare in empatia con le persone. Con alcune addirittura si è creata una vera e propria amicizia che dura da anni».

La pandemia, con i concerti tutti annullati, ha dato nuova linfa anche alle dirette social. Lidia ha iniziato a fare dirette dal Colosseo e da altri monumenti italiani, creandosi il suo palcoscenico personale attraverso il format #StreetShow #LidiaLive e attirando l’attenzione non solo di milioni di follower, ma anche di importanti nomi del mondo dello spettacolo come la modella e conduttrice americana Tyra Banks, Fiorello, Nicola Savino e Samantha Cristoforetti, connessa addirittura dallo spazio. «Volevo portare i posti più belli d’Italia nelle case e nei telefoni delle persone di tutto il mondo. I social, se usati con intelligenza, sono uno strumento incredibile che ti offre l’opportunità di essere ascoltato. Penso sia questo l’aspetto più importante». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×