Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Favorì la fuga di un ricercato per terrorismo
Fermato un 50enne che lo aveva ospitato

Nouri Ejjed probabilmente sapeva di essere indagato, per questo è scattata l'operazione della guardia di finanza di Agrigento. È sotto inchiesta dalla Dda di Palermo per avere dato asilo e contribuito all'organizzazione della fuga dell'uomo che lo scorso aprile sparò nel centro di Lipsia, in Germania

Redazione

Avrebbe favorito la latitanza prima e la fuga all’estero poi di Abidi Aymen, ricercato dalle autorità di tutta Europa per avere esploso dei colpi di pistola per le vie di Lipsia, in Germania, lo scorso 9 aprile, e per questo destinatario di mandato di cattura europeo, spiccato dell’autorità giudiziaria tedesca con l'accusa di tentato omicidio. Per questo è stato fermato dalla guardia di finanza di Agrigento, su ordine della Dda di Palermo, Nouri Ejjed, 50 anni.

Ejjed avrebbe garantito al presunto jihadista, arrestato in un primo momento, a luglio, a Firenze, un rifugio in Sicilia, «offrendogli - si legge in una nota dei finanzieri - la possibilità di riparare in Tunisia». Le indagini, coordinate dalla procuratrice aggiunta Marzia Sabella e dai sostituti Calogero Ferrara e Renza Cescon della Dda di Palermo, condotte dai militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Agrigento, hanno dimostrato che Abidi a fine settembre ha raggiunto la Sicilia dove sarebbe stato ospitato per oltre un mese da Ejeed.

L'uomo si sarebbe poi trasferito in un capanno in un piccolo centro del Trapanese, da cui qualche giorno dopo si sarebbe imbarcato su un gommone verso la Tunisia, dove pare sia stato recuperato da un altro sodale di Ejjed, che nelle intercettazioni si diceva orgoglioso, nonostante il rischio di essere arrestato, di avere assicurato la fuga all'estero di Abidi, che in Germania rischiava la condanna per fatti legati ad attività terroristiche. Il fermo di Ejjed è scattato visto il pericolo di fuga dell'uomo, che sospettava di essere indagato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×