Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Corruzione elettorale, si è dimesso il sindaco di Calatafimi 
È accusato di avere beneficiato dei voti del clan mafioso

«Dimostrerò la mia estraneità ai fatti. Ho sempre agito in modo trasparente per il bene comune». Così il primo cittadino del centro del Trapanese, Antonino Accardo, ha comunicato la propria decisione di non ricoprire la carica pubblica

Marta Silvestre

«Per l'alto senso politico e istituzionale che ha sempre improntato il mio impegno civico, ritengo opportuno rassegnare le mie dimissioni». È con una breve nota inviata alla giunta, al consiglio e al segretario comunale che il sindaco di Calatafimi Segesta Antonino Accardo ha comunicato la decisione di non ricoprire la carica di primo cittadino. Un'iniziativa «travagliata e non più procrastinabile» che arriva dopo la vasta operazione antimafia della Dda di Palermo della scorsa settimana in cui anche Accardo risulta indagato con l'accusa di avere beneficiato dei voti controllati dalla cosca mafiosa guidata da Nicolò Pidone.

«Sono certo che riuscirò a dimostrare il prima possibile la mia estraneità ai fatti che mi vengono contestati». Eletto il 28 aprile del 2019, Accardo è accusato di avere fatto riferimento ad alcuni uomini d'onore della cosca mafiosa locale anche per questione extra-politiche, ovvero per tentare di recuperare i soldi (circa settemila euro) della cessione della sua società Regno delle due Sicilie, che si occupa di lavorazione, produzione e confezionamento di prodotti agricoli.

«Assumo questa decisione - ha spiegato l'ormai ex primo cittadino - pur nella consapevolezza di avere sempre agito in modo trasparente e irreprensibile e di avere improntato la mia azione politica e amministrativa, sempre e solo, al raggiungimento del bene comune». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×