Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

In strada per protestare contro la didattica a distanza
«Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione»

Si chiama Lucia Mulè e ha 14 anni. Stamattina, con il suo pc sulle ginocchia, ha seguito le lezioni online seduta sulla panchina davanti al liceo classico Umberto I di Ragusa. «La scuola non è solo istruzione, è indispensabile in presenza», spiega la studentessa

Marta Silvestre

«Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione». Il cartellone con questa frase di Victor Hugo è appoggiato su una panchina. Accanto c'è Lucia Molè, 14 anni, studentessa del IV ginnasio (il primo anno) del liceo classico Umberto I di Ragusa. È da quella postazione che ha scelto di seguire le lezioni online, come previsto dalla didattica a distanza adottata come misura per contenere la diffusione del nuovo coronavirus

Mascherina correttamente indossata, sulla panchina accanto a lei c'è uno zaino colorato con dentro i libri, sulle gambe ha appoggiato il computer portatile (dal quale segue le lezioni utilizzando il cellulare per collegarsi a internet) con la scritta «Presente al 100%». Così la 14enne, questa mattina, si è sistemata davanti all'istituto del capoluogo ibleo per manifestare il proprio disappunto nei confronti della didattica a distanza. Prima di lei Anita, Maia e Lisa (tre giovani studentesse di Torino, in Piemonte) erano diventate il simbolo della protesta contro la dad. Senza temere freddo e critiche, da oltre venti giorni, seguono le lezioni sedute a terra con i pc o i tablet sulle gambe davanti alle loro scuole. Per fare sentire ancora di più la loro voce le tre studentesse, con tanto di tavolini da pic-nic e coperte, hanno manifestato anche davanti al palazzo della Regione per chiedere di potere tornare in classe a seguire le lezioni in presenza. 

«Ritengo che la scuola sia essenziale in presenza - ha detto Lucia - Non siamo fatti solo di un corpo ma anche di un'anima. A distanza l'anima senza corpo è un fantasma e il corpo senza anima non prova emozioni. La socializzazione non è più la stessa. La scuola - ha proseguito Lucia - non è solo istruzione, ci fa crescere come persone, ci fa maturare, ci fa confrontare». Tutte cose difficili, se non impossibili, con la didattica a distanza. «So che non posso cambiare niente - ha ammesso la giovane studentessa - ma voglio fare capire che ci sono molti studenti che, come me, vogliono tornare in classe».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×