Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Fermato scafista del naufragio in cui è morto il neonato
È 21enne del Ciad. Individuato da racconti dei migranti

L'imbarcazione, con a bordo circa 120 persone, era stata soccorsa dalla nave della ong Open Arms. Tra le sei vittime anche Youssef, un bambino di sei mesi. Sul caso la procura di Agrigento aveva aperto un'inchiesta

Redazione

È stato fermato dalla polizia di Trapani un 21enne del Ciad che era alla guida del gommone naufragato l'11 novembre a largo delle coste libiche. L'imbarcazione, soccorsa dalla nave della ong Open Arms, aveva a bordo circa 120 persone, di cui sei rimaste vittime del naufragio, tra cui il neonato Youssef di sei mesi che è stato poi seppellito a Lampedusa

Sul caso la procura di Agrigento aveva aperto un'inchiesta. I migranti soccorsi erano stati trasportati a Trapani e posti in quarantena, in attesa di potere essere trasferiti nelle strutture di accoglienza. Gli uomini della squadra mobile di Trapani, dopo avere raccolto le testimonianze di diverse persone e ulteriori approfondimenti investigativi, hanno individuato lo scafista dell'imbarcazione.

I migranti hanno ricostruito la dinamica del viaggio, culminato con la rottura dello scafo e la caduta in mare degli occupanti. La giovane mamma del neonato aveva visto cadere il figlioletto in acqua che era stato recuperato dall'equipaggio della ong, ma che poi è morto

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×