Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Contributo affitto, pubblicato elenco degli ammessi
Disponibili sette milioni di euro per 9mila richieste

La misura permette di ricevere un bonus fino a 800 euro utilizzabile per la locazione di alloggi da parte delle famiglie più bisognose. Su oltre 13mila richieste solo 9mila sono state valutate positivamente, adesso si attendono i ricorsi degli esclusi

Redazione

Foto di: Ozer Ozmen

Foto di: Ozer Ozmen

«Diecimila famiglie siciliane, nelle prossime settimane, vedranno accreditarsi un contributo fino a 800 euro per sostenere l'affitto della propria casa». Nello Musumeci, presidente della Regione Siciliana, commenta così la pubblicazione dell'elenco dei conduttori di alloggi in locazione ammessi al contributo integrativo del fondo nazionale per il sostegno all'accesso delle abitazioni in affitto. La misura, chiamata contributo affitto, annunciata oggi da Musumeci prevede l'impiego di sette milioni di euro complessivi. Su oltre 13mila richieste, ne sono state ammesse poco più di 9mila

Stando alla ricostruzione della Regione, con questa misura si possono recuperare i fondi dell'anno 2018 e preparare il terreno per il bando del biennio 2019-2020 che intende pubblicare a fine anno. «La dotazione del fondo per i contributi sarà quasi triplicata - si legge nella nota stampa diramata da palazzo dei Normanni -, da sette passeremo a 19 milioni di euro e includeremo fra i beneficiari anche gli studenti fuori sede». 

Inoltre, a seguito della sentenza costituzionale che ha dichiarato l'illegittimità del requisito che prevede la residenza di almeno dieci anni nello Stato perché coincide con quello necessario per ottenere la cittadinanza, sono stati riaperti i termini esclusivamente per gli stranieri muniti di permesso di soggiorno annuale o permesso di soggiorno Ue e residenti da almeno cinque anni sul territorio nazionale. Così come è illegittimo, secondo la Consulta, il requisito che prevede una residenza di cinque anni nella Regione interessata perché non c'è correlazione «tra il soddisfacimento dei bisogni abitativi primari della persona che versa in condizioni di povertà e sia insediata nel territorio regionale e la lunga protrazione nel tempo del radicamento territoriale». 

La graduatoria è stata pubblicata nei giorni scorsi ed è consultabile all'indirizzo http://pti.regione.sicilia.it/portal/pls/portal/docs/152456982.PDF. «Contiamo di allargare ulteriormente il numero dei beneficiari - spiega l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone - poiché nei prossimi giorni verranno riesaminate le istanze di coloro che presenteranno appello».

I soggetti esclusi, infatti, possono effettuare ricorso entro dieci giorni dalla data di pubblicazione dell'avviso sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana (termine decorrente dal 16 novembre), solo tramite posta elettronica certificata da indirizzare all'assessorato Infrastrutture e Mobilità, Dipartimento regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti – Servizio 5, Via Leonardo da Vinci 161, 90145, all'indirizzo dipartimento.infrastrutture@certmail.regione.sicilia.it indicando specificamente i motivi per i quali si chiede la rivalutazione dell'istanza. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×