Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Per anni hanno incassato la pensione dei parenti morti
Truffa per oltre 270mila euro, denunciate otto persone

In un caso, il familiare era deceduto nel 2002. Tra chi ha continuato a usufruire indebitamente pure di indennità di accompagnamento e invalidità ci sono percettori del reddito di cittadinanza. Scoperti da stili di vita non plausibili per ultracentenari

Redazione

Avrebbero continuato a percepire indebitamente la pensione di parenti morti da anni, per un totale di oltre 270mila euro. Il comando provinciale della guardia di finanza di Trapani ha scoperto la truffa portata avanti da otto persone, alcune delle quali erano anche percettori del reddito di cittadinanza. Le fiamme gialle hanno sequestrato venti rapporti tra conti correnti e conti di deposito e messo i sigilli a tre immobili, due a Trapani e uno a Catania.

Pensioni, indennità di accompagnamento e di invalidità sarebbero spettati a tre congiunti da tempo deceduti (in un caso addirittura nel lontano 2002, negli altri due nel 2013 e nel 2014). In tutti e tre i casi la frode è stata resa possibile dal mancato allineamento dei sistemi informatici dell’anagrafe comunale con quelli dell’Inps. Per continuare a percepire indebitamente le somme è stato necessario attestare falsamente l’esistenza in vita dei congiunti negli istituti di credito dove i defunti erano titolari di rapporti. 

In un caso, per ottenere la delega per l’accreditamento della pensione il parente sarebbe anche andato in banca a fingere un precario stato di salute del familiare già deceduto per giustificarne la mancata presentazione presso l’istituto di credito. L'analisi dei flussi finanziari e delle movimentazioni bancarie riconducibili alle persone decedute ha preso le mosse proprio dall'anomalia delle operazioni, parse da subito espressive di uno stile di vita implausibile per pensionati ultracentenari

L’approfondimento degli accertamenti bancari e patrimoniali, su delega della procura di Trapani ha poi consentito agli investigatori di accertare come tutte le somme di denaro accreditate dall'Inps fossero state riscosse in contanti allo sportello o finite ai parenti più prossimi dei beneficiari che avevano avuto, per anni, la disponibilità delle carte associate ai conti correnti di accredito delle pensioni. I responsabili sono stati denunciati, a vario titolo, per truffa aggravata e indebita percezione di erogazioni pubbliche ai danni dello Stato, mentre la direzione dell’Inps è stata attivata per la sospensione delle erogazioni. Inoltre, due degli otto soggetti, oltre a essersi appropriati illecitamente di oltre 130mila euro di somme erogate dall’Inps destinate ai congiunti ritenuti erroneamente ancora viventi, sono risultati percettori del reddito di cittadinanza.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×