Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Piazza Armerina, confiscati beni a due imprenditori
Coinvolto anche un uomo con precedenti per mafia

Il provvedimento è stato eseguito della guardia di finanza del comando provinciale di Enna e fa seguito al sequestro preventivo. In totale la somma recuperata supera i centomila euro

Redazione

I finanzieri del comando provinciale di Enna hanno confiscato beni a due imprenditori. Il provvedimento segue il sequestro preventivo e arriva a margine di indagini condotte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria. 

Nel primo caso si tratta di un imprenditore che, per evadere le imposte sui redditi e l’Iva, aveva utilizzato fatture relative ad operazioni inesistenti. Ritenuto colpevole del reato di dichiarazione fraudolenta gli sono state confiscate 19 unità immobiliari, costituite in prevalenza da terreni e da alcuni fabbricati rurali, una autovettura e una quota pari al 50% del capitale sociale di una società di gestione di alberghi e discoteche di cui era proprietario,. Il valore complessivo della confisca è di circa 90mila euro.

Nel secondo caso, l’imprenditore è stato denunciato perché - a dispetto di quanto previsto dalla legge per i condannati per associazione per delinquere di stampo mafioso e alle persone sottoposte a misure di prevenzione personali - non aveva comunicato le variazioni del proprio patrimonio nei dieci anni successivi alla condanna o alla misura di prevenzione. L'uomo, nello specifico, aveva ceduto alcune quote di proprietà di alcuni terreni agricoli. La somma confiscata è di 12mila euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×