Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, sequestro da 300mila euro a Massimo Calafiore
Il 52enne aveva ricevuto la benedizione del boss Aparo

La misura di prevenzione nasce da una serie di accertamenti della guardia di finanza sul fronte patrimoniale e dal fatto che l'uomo è considerato socialmente pericoloso. L'ultima inchiesta in cui è stato coinvolto risale all'estate di quest'anno

Redazione

Sequestro da 300mila euro nei confronti del 52enne Massimo Calafiore. L'uomo è ritenuto legato al gruppo criminale attivo a Solarino, nel Siracusano. A eseguire la misura di prevenzione è stata la guardia di finanza. I sigilli sono stati posti su un'autovettura di grossa cilinadrata, rapporti bancari e finanziari. 

Calafiore è ritenuto un soggetto socialmente pericoloso. In estate è finito al centro di un'inchiesta della procura su un giro di droga, estorsioni e usura. Calafiore, secondo i magistrati, sarebbe stato investito del ruolo di reggente dal boss Antonio Aparo, capomafia dell'omonimo clan. 

Il curriculum criminale affonda le radici nel secolo scorso. Nel 1998, Calafiore fu condannato a due anni per associazione mafiosa in quanto ritenuto legato, sicuramente dal '88 al '96, al clan all'epoca diretto da Sebastiano Nardo e Antonio Aparo. Nel 2003, una nuova condanna a nove anni e mezzo per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Dagli accertamenti patrimoniali è emersa una netta sperequazione tra i redditi dichiarati e il tenoro di vita condotta, nel periodo che va dal 2000 al 2018.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×