Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, dalla nave quarantena scendono in 382
Soltanto 181 avranno possibilità di chiedere asilo

Lo sbarco è avvenuto nei giorni scorsi ad Augusta. Sulla nave Suprema si trovano ancora circa cinquecento persone, in attesa del risultato dei tamponi. Oltre la metà di quelli scesi è stato raggiunto da provvedimento di respingimento

Redazione

Sono 382 i migranti fatti sbarcare dalla nave quarantena Suprema che si trova nella rada del porto di Augusta. A bordo ne restano poco meno di cinquecento. L'operazione è stata effettuata dalla polizia e segue la ricezione dei risultati - tutti negativi - relativi al secondo tampone. 

Dopo lo sbarco, sono stati eseguiti 201 provvedimenti di respingimento nei confronti di migranti ritenuti economici, che per questo non hanno diritto a chiedere asilo in Italia. Tra questi in 134 sono stati trasferiti nei Cpr presenti nel Paese, mentre per 67 è scsattato il provvedimento di lasciare immediatamente il territorio nazionale. Sono invece 181 le persone che hanno diritto a chiedere protezione in Italia.

La nave Suprema, dopo le operazioni di sbarco, ha fatto ritorno a Lampedusa per imbarcare altri migranti arrivati sull’isola.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×