Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Demanio marittimo, quest'anno niente canone
La Regione trova oltre dieci milioni per gestori

Il governo Musumeci ha trovato la copertura finanziaria alla previsione contenuta nella legge di stabilità e mantenere dunque la promessa fatta a chi ha in concessione un'area balneare

Redazione

In Sicilia i titolari di una concessione demaniale marittima non dovranno pagare il canone per l'anno in corso. Il governo Musumeci ha trovato la copertura finanziaria alla previsione contenuta nella legge di stabilità, una misura fortemente voluta dall'esecutivo di Palazzo Orleans per offrire ristoro ai gestori dei lidi balneari dell'Isola.

Si tratta di tremila esercenti che danno lavoro a centomila persone. Le risorse stanziate ammontano complessivamente per l'anno 2020 a circa dieci milioni e mezzo di euro.

«Avevamo assunto questo impegno e adesso, puntualmente, lo onoriamo - commenta l'assessore al Territorio e ambiente Toto Cordaro - il sostegno a uno dei settori strategici per il turismo siciliano rappresenta un altro inequivocabile segnale di quanto, in questo momento di grande e diffusa difficoltà, sia alta l'attenzione del governo regionale che resta vicino alle categorie produttive ed è costantemente impegnato a facilitare una ripresa economica a tutto campo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×