Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La battuta di Cancelleri sull'ipotesi terzo mandato
Nel M5s ci si inizia a chiedere «che ne sarà di noi?»

Una risposta giocosa a una domanda da quiz o il primo passo verso una presa di coscienza? Tra i cinquestelle si avvicina il momento di capire cosa fare della promessa con cui si sono presentati agli elettori. E domenica iniziano gli attesi Stati generali

Simone Olivelli

Una battuta, niente di più. D'altra parte la premessa lo consentiva: se fossimo a un gioco a premi con la cuffia nelle orecchie e si dovesse rispondere con un sì o un no, Giancarlo Cancelleri cosa direbbe di una possibile terza ricandidatura a presidente della Regione? «Beh, così secca no... Dai, sì, perché io amo la mia terra e vorrei davvero poter fare il massimo per...». La frase, pronunciata due giorni fa dal viceministro ai Trasporti, è rimasta incompleta, ma tanto è bastato per fare strabuzzare gli occhi degli spettatori della trasmissione Casa Minutella e, a seguire, di chi ha letto la dichiarazione. Un Cancelleri tris - parlando dei tentativi di entrare a palazzo d'Orleans - in Sicilia rappresenterebbe, infatti, la pietra tombale sul primo dei comandamenti del grillismo: non ti candiderai più di due volte.

Ma, come detto, si sarebbe trattato soltanto di una battuta. Una boutade, per dirla alla francese, che rimanda all'antico bottata. Con questo termine un tempo si indicava il colpo di punta nella scherma. E, a pensarci, per quanto il diretto interessato sostenga che sulla vicenda «si sia detto già fin troppo» e che basta rivedere la trasmissione per capire il clima in cui tutto è nato, l'ipotesi terzo mandato qualche fastidio lo ha creato. Specialmente tra quei deputati regionali del Movimento 5 stelle che, poco più di un anno fa, salutarono Cancelleri in partenza per Roma, per affiancare la dem Paola De Micheli al ministero delle Infrastrutture. In quel caso, nessuno volle parlare di addio - la promessa era di continuare a seguire da vicino gli affari siciliani - ma altrettanti erano quelli che pensavano potesse trattarsi di un arrivederci. Questo perché, al netto delle frizioni per il presunto eccesso di protagonismo di Cancelleri, a impedire qualsiasi reunion sarebbero state le regole interne al movimento.

E se invece così non fosse? Se quella di Cancelleri non fosse stata solo una semplice battuta, ma proprio una bottata? Un colpo di punta, per vedere un po' l'effetto che fa e capire quanto il popolo cinquestelle siciliano sarebbe pronto a un cambiamento, in chiave però conservatrice? I punti interrogativi per il momento sono tanti e potranno essere affrontati soltanto a un livello superiore da quello regionale. Però, intanto, ci sono. O meglio, a microfoni spenti e taccuini chiusi, da tempo c'è chi si chiede «che ne sarà di noi?», parafrasando il titolo del film di Giovanni Veronesi, anche se in questo caso non si parla di dilemmi post-liceo, ma di un altro tipo di maturità. Quella di chi dopo un decennio in cui ha contribuito a fare crescere un partito si trova nella condizione di - letteralmente - doversi trovare un lavoro. O di tornare a quello di prima, vecchi clienti volendo.

In attesa di capire come si evolverà il dibattito interno a livello nazionale - domenica si svolgerà il dibattito pubblico degli Stati generali e l'occasione potrebbe essere propizia per mettere sul tavolo anche la questione del limite del secondo mandato - in casa cinquestelle nessuno vuole commentare l'uscita di Cancelleri. Tra chi ricorda che in tempi di pandemia i problemi sono altri e chi assicura che non si ricandiderebbe mai «anche perché chi ci voterebbe mai dopo un tradimento di questo tipo?», ci sono anche le voci che parlano di qualche battibecco interno suscitato dalle parole di Cancelleri. Che saranno state pure frutto di una battuta ma che, proprio per questo, potrebbero diventare il primo passo verso una presa di coscienza. D'altronde, di motti di spirito Freud se ne intendeva.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×