Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

In comunità 17enne che ha lanciato il figlio dalla finestra
«Dopo sono andata a fare colazione con mamma e papà»

Il gip ha rigettato la richiesta di detenzione in un istituto di pena minorile che era stata avanzata dal pm. Oggi pomeriggio è stata eseguita l'autopsia sul corpo del neonato. Intanto continuano le indagini e verrà ascoltato anche il fidanzato della ragazza

Pamela Giacomarro

Torna in libertà la 17enne accusata di avere ucciso il figlio lanciandolo dalla finestra della sua camera dopo averlo partorito poco prima nel bagno della sua abitazione alla periferia di Trapani, venerdì scorso. Il gip del tribunale dei minori di Palermo Federico Cimò, dopo la convalida dell'arresto, ha rigettato la richiesta di detenzione in un istituto di pena minorile avanzata dal pubblico ministero e ha, invece, disposto nei confronti della giovane la liberazione - se non detenuta per altra causa - e l'affidamento in custodia in una comunità protetta che, in serata, verrà resa nota dal centro di giustizia minorile.

Nel primo pomeriggio, al policlinico di Palermo è stata effettuata l'autopsia sul corpo del neonato che è stata eseguita dai medici legali Paolo Procaccianti e Emiliano Maresi. Presente anche il consulente della difesa Gaetano Vivona. L'esame autoptico servirà a stabilire se il bambino è nato morto oppure se il decesso è stato causato dall'impatto con il suolo. Intanto, proseguono le indagini per capire cosa sia accaduto venerdì. La 17enne, nel corso del primo interrogatorio, ha raccontato di non essere al corrente della propria gravidanza e di avere fatto tutto da sola. 

La giovane ha raccontato di quel parto in bagno, di come avesse cercato di nascondere tutte le tracce, mettendo gli indumenti e delle tovaglie sporche di sangue all'interno di un sacco nero della spazzatura. «Sono sgattaiolata in camera - ha detto la 17enna - È da lì che ho gettato il bambino dalla finestra. Poi sono andata a fare colazione con papà, mamma e mia sorella». I familiari, ascoltati anche loro dagli inquirenti, hanno dichiarato che erano all'oscuro di tutto

A ritrovare il corpo senza vita del neonato nel parcheggio del palazzo, con una vistosa ferita alla testa, è stato un vicino di casa che ha allertato le forze dell'ordine. Adesso è stato rintracciato anche il fidanzato della giovane che vive fuori città e che è stato convocato per essere interrogato. La procura di Trapani ha aperto un fascicolo contro ignoti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×