Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, sequestrati beni e conti per 18 milioni di euro
Un albergo, 5 immobili, 54 terreni e 12 tra auto e moto

I destinatari del decreto di sequestro urgente sono Michele Mazzara (classe 1960) di Paceco, sua moglie Giuseppa Barone (classe 1960) e Francesco Nicosia (classe 1955) di Erice. Tutti e tre erano già sorvegliati speciali con obbligo di soggiorno

Redazione

Cinque fabbricati, 54 terreni agricoli, un albergo, 12 tra auto, autocarri e motocicli, 41 mezzi agricoli, quattro società e otto conti correnti bancari per 18 milioni di euro. È questo il totale dei beni sequestrati dagli agenti della polizia della divisione anticrimine della questura di Trapani e dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Trapani

Sono Michele Mazzara (classe 1960) di Paceco, Francesco Nicosia (classe 1955) di Erice e di Giuseppa Barone (classe 1960), la moglie di Mazzara, i destinatari del decreto di sequestro urgente emesso dal tribunale di Trapani su proposta della procura della Repubblica di Palermo. Tutti e tre erano già sorvegliati speciali con obbligo di soggiorno. 

Il provvedimento ha riguardato nel complesso 61 beni immobili, 53 beni mobili, quattro società con i relativi compendi aziendali, di cui tre operanti nel settore delle costruzioni edilizie e una nell'attività ricettiva ) e otto conti correnti bancari di varia natura per un valore totale pari a circa 18 milioni di euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×