Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Porto Augusta, sequestrate 130 tonnellate di rottami
Materiale era pronto a essere imbarcato per l'estero

I rifiuti non erano confermi a quanto indicato nella documentazione di accompagnamento. Per questo motivo una persona è stata deferita all'autorità giudiziaria. Allo stesso è stata comminata una sanzione di circa mille euro

Redazione

I militari della Guardia costiera di Augusta, unitamente al personale dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, di Siracusa e Palermo, hanno sottoposto a sequestro penale due cumuli di rottami ferrosi, per un peso di 130 tonnellate, destinati ad essere imbarcati per l’estero. Il materiale era collocato in due aree, di circa 450 metri quadrati, nel porto commerciale di Augusta, all’interno di un tratto in concessione a un operatore portuale.

I rottami sono stati ritenuti essere rifiuti, e quindi non conformi a quanto riportato nella documentazione di accompagnamento. Il titolare della società concessionaria è stato deferito all’autorità giudiziaria. Al medesimo è stata comminata una sanzione amministrativa pari a circa mille euro, per uso difforme dell’area in concessione demaniale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×