Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cancelli e porte blindate per proteggere i bunker della droga
Nelle piazze di spaccio sofisticati sistemi di videosorveglianza

Un pesante sbarramento di metallo sequestrava i residenti all'interno di un condominio in via Ignazio Immordini a Siracusa. In piazza San Metodio, invece, un giovane spacciatore si era trincerato in una casa che aveva abusivamente occupato. Guarda i video

Redazione

Cancelli abusivi nelle palazzine, porte d'ingresso delle case blindate, telecamere di videosorveglianza abusive per proteggere le attività dei pusher in via Ignazio Immordini e in piazza San Metodio a Siracusa. Luoghi di spaccio che, nonostante le diverse operazioni di polizia che hanno portato a numerosi arrestisequestri, non sono ancora state smantellate. Gli investigatori della squadra mobile aretusea, nella giornata di ieri, hanno portato a termine tre operazioni con l'arresto di tre persone

Arrivati all'ingresso di uno stabile di via Immordini, gli agenti hanno trovato il siracusano 36enne Orazio Breci - già noto alle forze di polizia - che, alla vista dei poliziotti, ha sbarrato la strada con un pesante cancello di metallo ed è fuggito verso il terrazzo per poi tentare di uscire da un’altra parte del palazzo. Forzato il cancello (che sequestrava anche tutti i residenti all'interno del condominio), i militari hanno raggiunto Breci e lo hanno trovato in possesso di 10 grammi di cocaina, 14 grammi di marijuana e 26 grammi di hashish, già suddivise per la vendita al dettaglio per un totale di 190 dosi da valore commerciale di circa 2mila euro. Breci è finito agli arresti domiciliari e il cancello è stato sequestrato.

Un'abitazione abusivamente occupata in piazza San Metodio  blindata con robuste porte di acciaio e sorvegliata con telecamere collegate a schermi e monitor. Gli agenti hanno notato che dall'interno proveniva la luce. Per riuscire a entrare, però, è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco che hanno tagliato la porta. In casa i poliziotti hanno sorpreso il 21enne siracusano Umberto Attardo. È stato poi il cane Maui a trovare 18 dosi di marijuana, 27 di cocaina e 30 di hashish, per un valore complessivo di circa mille euro

Nell’abitazione è stato trovato anche vario materiale (carta alluminio, tre bilancini di precisione) utilizzato per il confezionamento della droga e 130 euro in banconote di vario taglio, frutto dell’attività di spaccio. Attardo è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Nella stessa casa, la scorsa settimana, i poliziotti hanno arrestato un altro giovane e rimosso un cancello di ferro che era stato sistemato davanti alla porta d'ingresso, le grate alle finestre e hanno sequestrato anche diverse telecamere e un monitor collegato al sistema di videosorveglianza.

Per detenzione di droga ai fini dello spaccio e ricettazione di una moto rubata è stato arrestato il siracusano 28enne Antonino Tinè. Notata la presenza di una volante, il ragazzo è fuggito in via Specchi a bordo di un Honda Sh 300. I poliziotti lo hanno inseguito fino a quando la corsa di Tinè è stata bloccata da un incidente con un'auto in via Accolla. Abbandonata la moto, il 28enne ha continuato la fuga a piedi ma è stato raggiunto dagli agenti in via Bonanno. Gli agenti gli hanno trovato addosso 3,5 grammi di hashish, mentre in casa 1,5 grammi di marijuana. Da ulteriori accertamenti, i poliziotti hanno scoperto che la moto era stata rubata. Sequestrata, è stata restituita al proprietario.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×