Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Assolti in secondo grado dopo accuse di sequestro 
Per i pm chiedevano dei soldi in cambio della libertà

«Gli imputati avevano sempre sostenuto di aver aiutato e ospitato la donna e la bambina per spirito di solidarietà tra connazionali», commentano gli avvocati. La presunta vittima era arrivata in Sicilia a luglio 2017 dopo essere stata salvata dalla Guardia costiera

Redazione

Foto di: Kyle Glenn

Foto di: Kyle Glenn

Assolti dalla corte di assise d'Appello di Caltanissetta «perché il fatto non sussiste». Si chiude così il processo di secondo grado nei confronti di Osman Ahmed e Moulid Hassan, entrambi originari della Somalia ma di base a Piazza Armerina, in provincia di Enna. I due erano finiti nei guai nell'estate del 2017 con l'accusa di sequestro di persona a scopo di estorsione. Secondo i magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Catania avrebbero rinchiuso dentro un'abitazione una donna e la figlia, pure loro di origini somale, costringendoli a contattare la famiglia in Africa per ottenere dei soldi in cambio della liberazione. L'indagine venne condotta dagli agenti della Squadra mobile di Catania. 

La presunta vittima era arriva in Sicilia a luglio 2017 dopo essere stata salvata da una nave della Guardia costiera italiana. Qualche giorno dopo la donna avrebbe accettato l'aiuto dei due uomini, forse conosciuti nei pressi di Giardini Naxos, per raggiungere, insieme alla figlia minorenne, Milano. Le indagini scattarono dopo la denuncia della migrante. «In attesa delle motivazioni della sentenza è giusto evidenziare che i nostri assistiti erano stati condannati in primo grado esclusivamente sulla scorta delle dichiarazioni della parte civile, a nostro avviso, evidentemente non credibili e contraddittorie. Né vi era agli atti alcun indizio che corroborasse la tesi accusatoria», commentano i legali Guido Moschella e Monica Catalano

«L’estraneità ai fatti degli imputati è, a ogni modo, emersa incontrovertibilmente dall’attività istruttoria svoltasi in secondo grado, tramite l’acquisizione di nuovi documenti, nonché tramite l’escussione di una testimone non reperita in primo grado - concludono i legali - Gli imputati avevano sempre sostenuto di aver aiutato e ospitato la donna e la bambina per spirito di solidarietà tra connazionali, senza aver mai chiesto alcunché».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×