Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, maxi frode fiscale da 15 milioni di euro
«Vorticoso giro di trasferimenti» tra 13 aziende

Per frodare le casse dell'erario e non pagare le imposte sarebbe stato ideato un complesso schema per il passaggio di denaro tra diverse società delle stesso gruppo imprenditoriale. Lo stesso che si era aggiudicato anche un appalto da 13 milioni di euro

Redazione

Oltre 15 milioni di euro. Tanto avrebbe evaso tra Iva, imposte sui redditi, sanzioni e interessi un noto imprenditore messinese. A scoprire la maxi frode fiscale sono stati i finanzieri del comando provinciale di Messina. All'imprenditore, nell'ambito dell'operazione denominata Casse vuote, le fiamme gialle hanno sequestrato 6,5 milioni di euro, come disposto dal gip su proposta della procura.

Dalle indagini del nucleo di polizia economico-finanziaria di Messina è emerso che la frode fiscale sarebbe stata messa in atto tramite 13 aziende, con sede a Messina e solo formalmente dislocate in tutta Italia. «Un vorticoso giro di trasferimenti finanziari» tra le diverse società parte di un importante gruppo imprenditoriale riferibile al noto imprenditore messinese G.A. (classe 1968), al fratello G.G. (classe 1971), e anche tramite una testa di legno che sarebbe stata attiva in svariati settori commerciali: edile, delle pulizie, dei trasporti, alberghiero, della ristorazione e della grande distribuzione

L'analisi dei flussi bancari e della documentazione amministrativo-contabile delle società ha consentito di ricostruire il complesso schema ideato per frodare le casse dell’erario per non pagare le imposte. Stando a quanto emerso dagli approfondimenti delle fiamme gialle, il sistema avrebbe previsto il trasferimento di ingenti somme di denaro dai conti correnti della società debitrice dell’erario - all'epoca pure titolare di un appalto di 13 milioni di euro con un importante ospedale del Nord, per il servizio di pulizia e sanificazione - ai conti correnti delle altre società del gruppo, svuotando le casse.

Inoltre, il ramo d’azienda inerente all'appalto milionario era stato oggetto di cessione a una società appena costituita, sempre riferibile allo stesso gruppo imprenditoriale alla cifra irrisoria di 20mila euro. Fatti sparire i soldi e un ramo d’azienda particolarmente redditizio, la procedura di riscossione coattiva per i debiti erariali risultava compromessa

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×