Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comiso, piantagione di marijuana nel bunker sotterraneo
Scoperta dai militari sotto una botola quadrata, un arresto

Impianti e dispositivi sofisticati in una stanza a diversi metri sottoterra raggiungibile con una scala. Lì i carabinieri hanno trovato 177 piante di marijuana. Il 63enne pregiudicato coltivatore agricolo Vincenzo Zago è finito ai domiciliari. Guarda il video e le foto

Redazione

Una piantagione di marijuana nascosta in un bunker sotterraneo. È quanto i carabinieri della compagnia di Vittoria insieme al personale dello squadrone eliportato Cacciatori di Sicilia hanno trovato in quando hanno aperto un'anomala botola quadrata. I militari hanno arrestato in flagranza di reato il pregiudicato coltivatore agricolo Vincenzo Zago (classe 1957) per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica. 

All'interno di un capannone annesso all'abitazione del 63enne e utilizzato come deposito di mezzi e attrezzi agricoli, i carabinieri della stazione di Comiso hanno trovato una stanza usata come essiccatoio con all'interno un bilancino di precisione, una stufa elettrica e un ventilatore. Entrati in una stanza nascosta da alcuni tronchi accatastati, i carabinieri hanno trovato una strana botola di forma quadrata. Aperta, sono scesi nel sotterraneo per qualche metro usando una scala di ferro. Lì si sono trovati davanti una sofisticata piantagione composta da 177 piante di canapa olandese, senza infiorescenze, di cui 87 coltivate in vasi sigillati con alluminio - per mantenere la temperatura - e 90 in sacchi growbag.


Nel sotterraneo, Zago avrebbe coltivato la marijuana grazie a un impianto di ventilazione, illuminazione, aerazione e irrigamento automatico e anche a un dispositivo di deumidificazione. Le piante, lo stupefacente (circa sei grammi di marijuana già essiccata) e tutti i materiali sono stati sequestrati. La sostanza stupefacente sarà sottoposta ad analisi tossicologica

Una volta messa sul mercato illegale, la marijuana avrebbe fruttato diverse decine di migliaia di euro. Inoltre, l’impianto di coltivazione dello stupefacente era alimentato abusivamente con un collegamento alla rete elettrica pubblica. Dopo le verifiche, il personale tecnico dell'Enel ha provveduto a disattivarlo. Il danno stimato ammonterebbe a 65mila euro circa. L’arrestato è stato posto ai domiciliari, fino all’udienza di convalida, su disposizione dell’autorità giudiziaria di Ragusa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×