Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

BonuSicilia, problemi con le firme digitali e i Durc
Commercialisti: «Rinviare scadenza per le richieste»

Ieri in commissione Attività produttive è stato audito Maurizio Attinelli, presidente del coordinamento dei commercialisti siciliani. A intervenire è anche Rosalia Lo Brutto, presidente della Consulta regionale degli ordini dei consulenti del lavoro

Redazione

Rinviare i termini per caricare sul portale SiciliaPei le istanze per accedere al BonuSicilia. La richiesta arriva dal presidente del coordinamento dei commercialisti siciliani Maurizio Attinelli. Ascoltato ieri, insieme al presidente della Camera di commercio Sicilia Sud-Est Pietro Agen, in commissione regionale Attività produttive sulla misura che, tra meno di una settimana, dovrebbe elargire risorse a fondo perduto alle imprese che, durante il lockdown, sono state costrette a chiudere. 

«Un differimento della presentazione delle istanze con il click day è necessario», ha detto Attinelli. Alla commissione, il presidente del coordinamento dei commercialisti dell'isola ha fatto presente le difficoltà oggettive degli uffici camerali per il rilascio nei prossimi giorni di tutte le firme digitali richieste. Il possesso della firma digitale, infatti, è un requisito fondamentale per potere inoltrare l'istanza di accesso al BonuSicilia. Attinelli ha parlato anche di difficoltà ad accedere alla piattaforma, un tema quest'ultimo che in vista del 5 ottobre - data in cui scatterà il click day e si prevede un ingente afflusso di contatti sul sito - preoccupa molto. 

Attinelli ha anche chiesto di rivedere l'intera procedura. Non più a sportello, quindi con le risorse a esaurimento che andranno a chi per primo riuscirà a inoltrare la domanda, ma una distribuzione equa tra le richieste che perverranno in un'unica giornata. Una modifica, quest'ultima, che difficilmente sarà presa in considerazione dalla Regione. Intanto, alla mezzanotte di oggi scadranno i termini per porre quesiti all'assessorato sulle modalità di partecipazione. Finora sono state oltre 2500 quelli recapitati.

A intervenire sul tema è anche la presidente della Consulta regionale degli ordini dei consulenti del lavoro Rosalia Lo Brutto. In questo caso nel mirino finisce la richiesta del Durc, l'attestato di regolarità dei versamenti contributivi, il cui rilascio spetta all'Inps o all'Inail. «Le norme nazionali emanate durante il lockdown, quando gli uffici erano chiusi, hanno prorogato fino al prossimo 18 ottobre la validità dei Durc rilasciati prima dello scorso 20 gennaio. Ma le imprese che ne erano in possesso a quella data erano poche», dichiara. Il timore, dunque, riguarda il fatto di non riuscire a dotarsi in tempo utile del prezioso documento. «La Regione - continua Lo Brutto - sembra non avere tenuto conto del fatto che le norme nazionali d’emergenza hanno anche via via rinviato la data di versamento dei contributi previdenziali fino allo scorso 15 settembre. L'Inps in questo momento non può avere la piena contezza diretta dei flussi finanziari che entreranno in cassa e spesso non può, quindi, attestare la totale regolarità».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×