Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Imprenditore ucciso perché molestava le donne sposate
«Colpo di grazia ai testicoli». Tre arresti dopo nove anni

Stando al racconto di uno degli arrestati, a commissionare l'omicidio - avvenuto il 2 dicembre 2011 - sarebbe stato uno dei figli di Pasquale Mangione. «Mi disse che ci sarebbe stato un compenso di 10mila euro», racconta uno degli autori

Redazione

Ucciso perché molestava donne sposate. A distanza di nove anni dai fatti, sono scattati tre arresti per l'omicidio di Pasquale Mangione. L'imprenditore in pensione di 69 anni è stato assassinato con due colpi di pistola il 2 dicembre del 2011 in contrada Modaccamo, una strada di campagna tra Raffadali e Cianciana, in provincia di Agrigento. In carcere sono finiti il 40enne Antonino Mangione di Raffadali (che non è parente della vittima), il 43enne Roberto Lampasona di Santa Elisabetta e il 35enne Angelo D'Antona di Raffadali, che ieri pomeriggio è stato rintracciato in Germania. 

Stando a quanto ricostruito finora dalla squadra mobile della questura di Agrigento, a commissionare l'omicidio sarebbe stato uno dei figli di Mangione. Il 69enne, che era stato buttato fuori di casa dalla moglie, avrebbe tentato un approccio intimo anche con una nuora, moglie di un altro figlio. Per fare luce su quanto accaduto nel dicembre di nove anni fa, oltre alle intercettazioni ambientali e telefoniche, è stata di fondamentale importanza anche la collaborazione di uno dei presunti organizzatori dell'agguato.

«Mi chiese se potevo organizzare un omicidio senza dirmi, in un primo momento, chi fosse la vittima. Mi disse solo che il colpo di grazia avrebbe dovuto essere ai testicoli perché fosse a tutti chiaro il movente e che ci sarebbe stato un compenso di diecimila euro». La ricostruzione è quella di Antonino Mangione, che ha deciso di collaborare con gli inquirenti dichiarando che a commissionare l'omicidio sarebbe stato il figlio della vittima, Francesco. Il noto imprenditore di Raffadali non è stato raggiunto da alcuna misura cautelare ma risulta indagato a piede libero

Mangione ha raccontato di avere condiviso il progetto omicidiario con D'Antona e Lampasona. Stando al suo racconto, sarebbe stato quest'ultimo a chiedere (e ottenere) il permesso di procedere a Francesco Fragapane. Il boss di Santa Elisabetta, che di recente è stato condannato a 20 anni di carcere nell'ambito dell'inchiesta Montagna, risulta indagato in questa vicenda.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×