Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Musumeci soddisfatto a metà dopo il vertice con Conte
«Dal governo tanti impegni ma non c'è nessuna certezza»

L'incontro a Palazzo Chigi sul tema dei migranti è durato circa due ore e ha lasciato nel presidente della Regione Siciliana la stessa diffidenza con cui era partito. «Restano delle diversità di vedute», ha ribadito il governatore 

Marta Silvestre

«Sono soddisfatto a metà perché ci troviamo di fronte a tanti impegni ma a nessuna certezza». Le parole del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci all'indomani dell'incontro con il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte lasciano trasparire una certa diffidenza. «È legittima se si tiene conto che dopo dieci anni è stato posto seriamente il tema del flusso migratorio in un confronto diretto tra il governo centrale e quello regionale». Durante l'incontro di ieri pomeriggio - durato circa due ore e al quale erano presenti anche il sindaco di Lampedusa Totò Martello, i ministri Roberto Gualtieri, Luciana Lamorgese, Luigi Di Maio, Paola De Micheli e Lorenzo Guerini e anche il capo della protezione civile Angelo Borrelli - da parte della regione sono state riproposte le stesse richieste già avanzate con l'ordinanza regionale che aveva previsto la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza, poi impugnata dal Viminale

Prima di entrare, Musumeci aveva detto chiaramente che non si era fatto «molte illusioni». E, in effetti, alla fine del vertice il presidente ha ribadito che «restano delle diversità di vedute con il governo che ha proposto alcune iniziative ma slegate da un calendario e al di fuori di scadenze precise». In merito alla chiusura degli hotspot, da parte del governo «c'è la volontà di svuotare quello di Lampedusa, già nei prossimi giorni». Infatti, entro due giorni sulla più grande isola della Pelagie dovrebbero arrivare due nuove e grandi navi quarantena dove trasferire i migranti. «Non arretriamo di un solo millimetro - ha aggiunto Musumeci - adesso che abbiamo aperto una breccia in un muro che sembrava di cemento armato». 

Il governo, inoltre, ha assicurato anche un sostegno finanziario alla comunità di Lampedusa. «È normale che ci siano delle riserve da parte nostra - ha detto il governatore - Non c'è dubbio però che siamo riusciti con l'ordinanza delle due settimane trascorse a porre finalmente il tema della migrazione anche in relazione all'aspetto umanitario e sanitario». Intanto, durante l'incontro il premier Conte ha anche fatto riferimento ad alcuni accordi da potere intavolare adesso che si è formato il governo tunisino. «Ora ci sono le premesse per intensificare i rimpatri. Confidiamo di rafforzare il programma utilizzando anche sistemi più flessibili - ha spiegato il presidente del Consiglio - inclusi i trasporti marittimi». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×