Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Fuoco a Macari, la notte di paura per turisti e residenti
«Ci hanno svegliati con le fiamme a cento metri da noi»

Il fuoco che sta battendo i boschi e le montagne attorno a San Vito Lo Capo ha ormai raggiunto la riserva naturalistica dello Zingaro. È la seconda volta in poche settimane che la zona viene interessata da un rogo. Il racconto di alcuni villeggianti costretti a scappare 

Gabriele Ruggieri

Foto di: Emmanuel Butticè

Foto di: Emmanuel Butticè

Era cominciato tutto con due incendi, uno a Macari e l'altro ai confini della riserva naturale dello Zingaro. La situazione sembrava sotto controllo, poi, complice il vento forte da Sud Est, che soffiava a 34 nodi, le fiamme si sono estese ed è stata una notte di paura per molti turisti che soggiornavano in diversi residence nei pressi di San Vito Lo Capo e per i residenti di alcune abitazioni, che sono stati costretti a lasciare le proprie case. Due costruzioni sono state anche raggiunte e danneggiate dalle fiamme

«Non mi sono mai spaventata così in vita mia - dice una turista che si trovava in vacanza nella zona ed è stata costretta con la sua famiglia a lasciare il residence in cui alloggiava -  Eravamo a Cala dell'Arena, a Macari, nel pomeriggio c'era un piccolo incendio che si è sviluppato vicino al mare, parzialmente controllato dai vigili del fuoco. Poi verso le 23 abbiamo visto fiamme sulle basi di monte Cofano, ma la situazione non sembrava preoccupante e siamo andati a letto». Poi la grande paura. «Ci sono venuti a svegliare attorno alle due - racconta - con il fuoco attaccato a noi, a un centinaio di metri, diffuso, l'aria irrespirabile. Abbiamo raccolto le nostre cose in due minuti e ce ne siamo scappati». 

È il secondo incendio in poche settimane nei pressi di Macari. Oggi le fiamme hanno scavalcato la montagna e hanno raggiunto la tonnara di San Vito, spingendosi fin dentro la riserva naturale dello Zingaro, uno dei luoghi più frequentati dai turisti. Fiamme anche nei pressi del Centro visitatori dello Zingaro, dove i Canadair stanno effettuando lanci d'acqua per limitare i danni. L'unica area che si è salvata, dicono gli uomini impegnati a fronteggiare il rogo, e' la prima caletta della riserva, la Tonnarella del Luzzo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×