Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tassa di soggiorno, nei guai 17 alberghi a Taormina
Guardia di finanza sequestra mezzo milione di euro

Diversi imprenditori avevano già ricevuto diffide di pagamento a cui sono rimasti indifferenti. Il periodo oggetto del censimento è compreso tra il 2013 e il 2018. Le persone indagate adesso dovranno rispondere del reato di peculato

Redazione

Foto di: Tomás Nuño

Foto di: Tomás Nuño

Per anni non avrebbe versato al Comune quanto incassato a titolo di tassa di soggiorno dai turisti che soggiornavano nei loro hotel. Un ammanco scoperto dai finanzieri del comando provinciale di Messina della guardia di finanza che hanno sequestrato circa mezzo milione di euro ai responsabili di 17 strutture alberghiere di Taormina, in provincia di Messina. L'operazione nasce da un'indagine dei militari della compagnia locale, coordinata dal gruppo delle fiamme gialle del capoluogo peloritano, che ha portato all'emissione di un decreto di sequestro preventivo disposto dal giudice per le indagini preliminari, su richiesta della procura diretta da Maurizio de Lucia

Le indagini hanno consentito di accertare che i legali rappresentanti di importanti hotel, che per la riscossione delle somme dovute per l'imposta di soggiorno del Comune di Taormina rivestivano la qualità di incaricati di pubblico servizio, si sono appropriati, nel tempo, delle somme ricevute dai propri clienti. L'attività investigativa nasce dall'analisi di dati ed elementi acquisiti dalle fiamme gialle nell'ambito di un censimento delle strutture ricettive del comprensorio di Taormina, Giardini Naxos e Letojanni. 

Dalle indagini è emerso che gli albergatori finiti sotto la lente di ingrandimento, violando una delibera del Consiglio Comunale del 2012 che ha approvato il regolamento dell'imposta di soggiorno nelle strutture alberghiere del territorio, erano inadempienti nei confronti dell'ente. Dall'analisi della documentazione acquisita è venuto fuori che avevano ricevuto diffide di pagamento a cui sono rimasti totalmente indifferenti. Tra il 2013 e il 2018 sarebbero stati sottratti alle casse comunali 468mila euro. Agli indagati è contestato il reato di peculato. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×