Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mazara del Vallo, calcestruzzo depotenziato a scuola
Il sindaco vieta le lezioni. Analisi chieste dal preside

Il provvedimento è stato firmato dal primo cittadino Salvatore Quinci e segue i risultati dei controlli effettuati dai tecnici. Il cemento è risultato non sufficientemente compatto. L'istituto scolastico ospita quasi trecento alunni

Redazione

Foto di: Pixabay

Foto di: Pixabay

Il calcestruzzo non offre sufficienti garanzie di sicurezza e la scuola viene chiusa. Mentre in Italia si ragiona su come sarà la ripartenza delle lezioni con la forzata convivenza con il Covid-19, a Mazara del Vallo il Comune ha deciso in via cautelare di chiudere il plesso Giovanni Paolo II di via Santoro Bonanno, che ospita la scuola dell'infanzia e primaria. 

Il provvedimento è stato preso dal sindaco Salvatore Quinci in seguito ai risultati di alcune analisi eseguite nell'immobile. Pur «non riscontrandosi condizioni di pericolo grave e imminente», si legge nel documento, la misura è stata ritenuta la più idone per salvaguarde la pubblica incolumità. I controlli nella struttura erano stati chiesti dal dirigente scolastico. Dai risultati è emerso un calcestruzzo non sufficientemente compatto. Il plesso, costruito negli anni Settanta, è frequentato da 280 alunni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×