Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, bando pubblico per il mega-parco fotovoltaico
Nel frattempo il Comune conta di pagare gli espropri

L'idea di mettere a gara il progetto che per anni è rimasto sulla carta e che puntava a creare tanti posti di lavoro è apprezzata dalla Regione. Si tratta dell'ennesimo capitolo di una storia che ha visto tanti proclami e pochi fatti. «Stavolta è fattibile», dice il sindaco

Simone Olivelli

Foto di: coltureprotette.edagricole.it

Foto di: coltureprotette.edagricole.it

Prendere in mano la questione Ciliegino e rilanciarla, riuscendo a superare sette anni di nulla o poco più. Questo l'obiettivo della Regione Siciliana che, nei giorni scorsi, si è detta favorevole all'idea del Comune di Gela di indire un bando internazionale per riuscire a intercettare e selezionare investitori privati capaci realmente di realizzare il grande impianto fotovoltaico su cui nel 2013 la Regione si era pronunciata favorevolmente. Un progetto che, facendo leva su un finanziamento pubblico previsto da una delibera del Cipe, puntava a creare centinaia di posti di lavoro a fronte di un investimento di diverse centinaia di milioni di euro. Numeri che hanno attirato anche i big della politica del tempo, con tanto di foto con la cazzuola in mano, ma che alla fine sono rimasti solo sulla carta per l'incapacità del soggetto proponente di individuare un partner privato in grado di costruire le serre dotate di pannelli fotovoltaici

«Potremmo ricorrere a tanti giri di parole per spiegare che la nostra idea su come rilanciare il progetto è seria, fattibile e concreta, ma pensiamo che la migliore risposta sia quella arrivata dall'audizione alla presenza dell'assessore Alberto Pierobon», ha dichiarato nei giorni scorsi il primo cittadino di Gela Lucio Greco. Per il Comune, la questione Ciliegino ha significato non solo la delusione di vedere rimanere al palo un'idea di rilancio economico del territorio ma anche lo spauracchio di dovere affrontare una lunga serie di contenziosi con quei privati a cui furono espropriate le terre senza mai essere pagati. Adesso, a estinguere i debiti potrebbe essere in prima battuta il Comune. «Attraverso le royalties (legate alla presenza del petrolchimico, ndr), abbiamo trovato tre milioni per acquistare i terreni espropriati e cercare di chiudere il contenzioso con i proprietari», ha detto Greco.

Questi soldi, in linea teorica, dovrebbero rientrare nel momento in cui dal bando verrà fuori il nome del privato con il progetto migliore e più strutturato. A oggi, infatti, sono state tante le società che si sono fatte avanti per rilevare la possibilità che era toccata alla cooperativa locale Agroverde, ma nessuno di loro è riuscito ad andare avanti oltre la dichiarazione d'intenti. Da capire, tuttavia, ci sarà se e cosa rimarrà del finanziamento pubblico previsto dall'allora governo Berlusconi mentre bisognerà tenere conto del fatto che l'autorizzazione concessa a suo tempo ad Agroverde è definitivamente decaduta e quindi bisognerà far ripartire  l'iter burocratico da zero. «Nel corso di questo importante incontro - ha aggiunto il sindaco di Gela - il dirigente del dipartimento regionale per l'Energia Salvatore D'Urso ha espresso un giudizio negativo sulla gestione del progetto Ciliegino da parte del mondo politico degli ultimi anni arrivando a definirlo un “bluff per il territorio”». 

L'idea del bando pubblico alla Regione piace - «lo stesso autorevole dirigente ha apprezzato pubblicamente l'iniziativa» - e l'apprezzamento arriva poche settimane dopo che in un altro dipartimento, il Territorio e Ambiente, la commissione tecnica ha dichiarato assoggettabile alla valutazione di impatto ambientale un altro progetto per il Ciliegino. A presentarlo è stata la società Agroenergie, con sede legale in provincia di Macerata (nelle Marche) i cui soci di maggioranza sono la famiglia di imprenditori Giovannetti

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×