Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Porto Empedocle, arrivata la nave quarantena
Destinata ai migranti al posto della Moby Zazà

La Gnv Azzurra sarà utilizzata per la sorveglianza sanitaria di chi arriverà nelle Pelagie. Prima dovrà superare un controllo presieduto dalla Capitaneria di porto. La notte scorsa, a Lampedusa sono arrivati altre duecento persone

Redazione

La nave Gnv Azzurra è arrivata a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. Verrà utilizzata per la quarantena dei migranti, così come nei passati accaduto con la Moby Zazà. Il cui armatore non ha rinnovato il contratto con il governo nazionale. 

Prima dell'ok finale, verrà effettuata un'ispezione tecnica da parte della commissione presieduta dalla Capitaneria di porto. Il sopralluogo servirà a confermare l'idoneità della nave alle esigenze di sorveglianza sanitaria prevista nell'ottica del contenimento dell'epidemia di Covid-19.

Intanto questa mattina otto barchini sono arrivati a Lampedusa. A bordo, complessivamente, c'erano circa duecento migranti. La metà delle imbarcazioni è arrivata in autonomia sulle coste dell'isola delle Pelagie. Le altre invece sono state agganciate al largo dalle motovedette. Al momento nell'hotspot di Lampedusa ci sono poco più di novecento persone a fronte di una capienza di 95.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×