Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, continuano gli arrivi ma anche i trasferimenti
Hotspot Lampedusa sovraffollato, 70 a Porto Empedocle

Continuano a essere giornate intense ai moli siciliani. E altrettanto animato è il dibattito politico. Nello Musumeci torna a chiedere lo stato d'emergenza, mentre l'assessore Ruggero Razza visita l'hotspot di Pozzallo: «Migranti tenuti sulla banchina di notte»

Redazione

«Ho appena finito la mia visita al porto e all'hotspot di Pozzallo. Per un giorno, notte compresa, sulla banchina sono state tenuti decine di migranti. Erano arrivati a Lampedusa, sono stati portati a Pozzallo e da qui in bus stanno andando a Porto Empedocle. Ma non è l'unica follia». Le parole pubblicate su Facebook sono dell'assessore Ruggero Razza. Il braccio destro di Nello Musumeci difende la linea del governo regionale che da settimane indica nell'arrivo dei migranti in Sicilia un rischio per l'aumento dei contagi di Covid-19. «I migranti ospitati nell'hotspot erano arrivati in Sicilia, quindi portati a Bari e poi riportati in Sicilia. Ringrazio il sindaco Ammatuna per la visita che assieme abbiamo fatto e voglio raccogliere tutta la preoccupazione che egli ha espresso per la sua comunità», ha aggiunto Razza. 

Musumeci, dal canto suo, torna a chiedere lo stato d'emergenza per Lampedusa. «Sta di nuovo scoppiando. Al nostro grido d'allarme si aggiunge oggi quello del sindaco. Mi spiace - ha dichiarato il governatore - che in una lunga intervista al Corriere il ministro (Lamorgese, ndr) non abbia neppure pronunciato la parola Lampedusa. Eppure è luogo-simbolo in Europa e nel mondo». Nelle scorse ore, intanto, altri due natanti in difficoltà sono stati segnalati nel Mediterraneo. «Ci hanno contattato durante la notte e stamattina, una di legno con 63 persone e un gommone con 65 persone a bordo. Abbiamo informato le autorità della loro posizione. Stamattina hanno entrambe raggiunto zona Sar italiana», fanno sapere da Alarm Phone.

La scorsa notte, invece, 240 persone hanno lasciato la tensostruttura di Porto Empedocle. Una quarantina sono stati portati a Palermo, mentre gli altri sono partiti verso centri d'accoglienza in Molise e Abruzzo. Un paio di centinaia, invece, dovrebbero arrivare nella località agrigentina da Lampedusa dove l'hotspot resta fortemente sovraffollato. La prefettura di Agrigento sta lavorando a nuovi trasferimenti.

«È vergognoso l'allarmismo diffuso da troppi media, politici e locali sulla potenziale diffusione del Covid-19 portata dai migranti di Lampedusa, che ignora il flusso ancor più consistente di turisti, che ogni giorno arrivano da varie regioni di Italia fortemente colpite da virus, i quali non sono sottoposti a quarantena od ad altre precauzioni - si legge in una nota di CarovaneMigranti e Rete antirazzista catanese -. Pensiamo che siano istigazione all’odio razziale le dichiarazioni bipartisan di sindaci e rappresentanti dell’Ars, che pretendono che i migranti salvati dai frequenti naufragi non tocchino il suolo siciliano, provocando - non prevenendo - il contagio dei migranti in sovraffollati e disumani centri di detenzione, prevedibile conseguenza del progressivo smantellamento di buona parte del sistema di accoglienza. Intanto per difendere la sicurezza minacciata dai migranti, e senza badare a spese, si affittano a caro prezzo - sottolineano gli attivisti - gigantesche navi per vergognosi hotspot galleggianti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews