Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Altri sbarchi di migranti nella notte, sindaci in rivolta
Intanto il Viminale cerca una nave per la quarantena

Dopo le fughe a Pozzallo, Pian del Lago e Porto Empedocle le forze dell'ordine continuano a cercare chi manca all'appello. Intercettate tre barche con 130 persone. Alle 12 di domani scade il bando da cinque milioni di euro per l'imbarcazione 

Redazione

Foto di: Yann Lévi - Sos Mediterranée

Foto di: Yann Lévi - Sos Mediterranée

Proseguono gli sbarchi di migranti in Sicilia. Tre imbarcazioni con a bordo complessivamente 130 persone sono state soccorse la notte scorsa a largo di Lampedusa dalle motovedette della Guardia costiera. Il gruppo subito dopo è stato trasferito nella struttura di contrada Imbriacola, già al collasso con oltre 800 migranti all'interno a fronte di una capienza massima di un centinaio di persone. E proprio per alleggerire l'hotspot sono stati disposti diversi trasferimenti. Intanto Alarm Phone ha segnalato una barca in difficoltà con 17 migranti, tra cui tre bambini a bordo, in pericolo al largo della Libia. «Le persone sono nel panico non hanno potuto darci coordinate corrette - si legge - Le autorità sono informate e devono cercarle». Sul fronte dei trasferimenti stesso copione di Lampedusa a Porto Empedocle, dove ieri pomeriggio poco più di cento migranti sono scappati dalla tensostruttura allestita dalla Protezione civile lungo la banchina del porto della cittadina in provincia di Agrigento.

Secondo le ultime notizie sono 320 i migranti trasferiti dalla provincia di Agrigento ai centri d'accoglienza del Lazio. Altri 200 partiranno alla volta del Piemonte. La struttura di Porto Empedocle dunque dovrebbe essere decisamente alleggerita dopo che ieri aveva toccato punte di 520 ospiti. Numeri da capogiro, come evidenziato dalla sindaca del Movimento 5 stelle Ida Carmina, se rapportati alla capienza massima. Dopo una notte intera di ricerche le forze dell'ordine hanno rintracciato circa 50 persone. Alcuni migranti invece sono tornati spontaneamente dopo essere stati avvistati dai connazionali che era stato pianificato il loro trasferimento. Situazione delicata anche a Caltanissetta. Domenica pomeriggio 184 migranti hanno lasciato il Cara di Pian del Lago, struttura a cinque chilometri dal centro del capoluogo nisseno. Al momento risultano ancora irreperibili 44 persone.

Il fronte più caldo è quello con la Tunisia. Ieri la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese ha incontrato il presidente Kaïs Saïed. Auspicando maggiori controlli lungo le coste del Paese africano ha parlato anche di «rischio sanitario». Secondo i dati forniti dal Viminale dall'inizio del 2020 in Italia sono approdate 12.533 persone. Di queste 4537 hanno dichiarato nazionalità tunisina. Poi ci sono coloro che partono dal Bangladesh (1786) e dalla Costa d'Avorio (799). Rispetto allo stesso periodo degli anni passati si registra il segno più confrontando i numeri del 2019 quando gli arrivi nei primi sette mesi furono 3599, mentre nel 2018 erano stati di più (18380). Per rafforzare il controllo del territorio la ministra Lamorgese ha annunciato una missione militare per le zone sensibili e l'utilizzo di una nave passeggeri da destinare ai migranti. Ipotesi quest'ultima che non trova d'accordo la sindaca di Porto Empedocle.

Dopo che i primi tre bandi sono andati deserti, scadrà domani alle 12 il termine per la presentazione della manifestazione di interesse da parte degli operatori economici che vorranno mettere a disposizione del Viminale la nave dove fare svolgere il periodo di quarantena ai migranti che sbarcano. Il valore dell'appalto sfiora i cinque milioni di euro. L'unità navale, italiana o comunitaria, dovrà avere da 285 a 460 cabine per ospitare tra 250 e 400 migranti, per un periodo di 92 giorni. La durata dell'appalto è fino al 31 ottobre 2020. La procedura di affidamento del servizio, si legge nel bando, «sarà svolta con termini abbreviati consoni al contesto emergenziale, tramite procedura negoziata previa pubblicazione del presente avviso, da aggiudicarsi con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews