Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

«Non ce n'è Coviddi» è diventato un videogame
L'idea sul tormentone è di un'agenzia trapanese

Satira, meme, gif, canzoni e ora un browser game. La risposta data dalla signora sulla spiaggia di Mondello (a Palermo) durante un'intervista andata in onda su Canale 5 è stata trasformata in ogni modo. Adesso diventa un gioco in cui non farsi colpire dal virus

Redazione

«Non ce n'è Coviddi». Non è più solo l'esagerata risposta di una signora intervistata sulla spiaggia di Mondello (nel Palermitano) dalla trasmissione di Canale 5 condotta da Barbara D'Urso. Una frase diventata subito virale, su cui è stata fatta ogni tipo di satira, da cui sono nati meme e gif, che è stata riadatta per trasformare testi di canzoni famose. Adesso, un'agenzia di web-designer e soluzioni web siciliana - la Hexaweb - l'ha trasformata in un browser game.

Il gioco è semplice: la signora si trova sulla spiaggia palermitana e deve difendersi dai coronavirus che arrivano da ogni parte. Per fare sparire i simbolini rossi che tutti abbiamo imparato a conoscere in questi ultimi mesi e continuare a giocare guadagnando punti, basta cliccare con il mouse sugli sprite che rappresentano il Covid-19. Ogni tanto, quando riesce a scansarsi e anche quando viene colpita, la signora ripete alcune delle sue frasi divenute oramai celebri: «Buongiorno da Mondello», «Oggi a mare», «Non lo consento a nessuno». 

Man mano che si va avanti, i virus si fanno sempre di più e sono più veloci. Si perde quando si viene colpiti per tre volte consecutive da un simbolo del coronavirus. Dalla schermata principale è possibile accedere anche a una classifica generale (in cui il primo classificato conta 4226 punti).

A realizzare il browser game con quello che è diventato il tormentone del Covid sono stati Dario Romano (24 anni) e Aurelio Di Maggio (23 anni). Entrambi di Erice (in provincia di Trapani), dopo una amicizia lunga dieci anni e degli studi complementari - web designer il primo e graphic designer il secondo -, hanno dato vita a Hexaweb che ha una sede fisica a Paceco, nel Trapanese. 

Clicca qui per giocare

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews