Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Frode, fatture da 4 milioni per operazioni inesistenti
Sequestro da 1,5 milioni a due società. Otto indagati

Le indagini delle fiamme gialle sono partite dopo la denuncia da presentata da un fornitore austriaco nel confronti del rappresentante legale di una ditta di Acate (nel Ragusano) attiva nel settore della produzione degli imballaggi in legno

Redazione

Una frode fiscale con l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per un importo di circa 4 milioni di euro. È quanto emerso dalle indagini delle fiamme gialle del comando provinciale di Ragusa. I finanzieri hanno eseguito un sequestro preventivo, emesso dal gip del tribunale, per oltre 1,5 milioni di euro su conti correnti, denaro, autovetture e immobili nella disponibilità di due società e di due degli otto indagati denunciati, a vario titolo, per reati penal-tributari. 

Le indagini, condotte dai militari della compagnia di Vittoria, hanno preso avvio da una denuncia presentata da un fornitore austriaco nei confronti del rappresentante legale di una società operante ad Acate nel settore della produzione degli imballaggi in legno, un contesto economico primario dell'indotto del mercato ortofrutticolo di Vittoria. In questo modo, è emersa l’esistenza di un’organizzazione finalizzata a evadere le imposte, riconducibile al dominus acatese, P.O. (classe 1962), destinatario unitamente a un suo complice, D.D. (classe 1978), del sequestro. 

Gli ulteriori approfondimenti hanno permesso di ricondurre lo schema fraudolento utilizzato dagli indagati al sistema del carosello fiscale, attuato tramite triangolazioni fra le società coinvolte al semplice scopo di evadere l’Iva, con una dimensione transnazionale, visto il coinvolgimento, oltre che di sei imprese locali, anche di due società di diritto rumeno. La ricostruzione del complesso meccanismo fraudolento ha permesso di fare luce sulle triangolazioni fittizie avvenute fra l’effettiva beneficiaria della merce - l’azienda di Acate - le società estere reali fornitrici e società sistematicamente interposte, intestate a un mero prestanome

L’imprenditore ragusano, infatti, si sarebbe servito di ditte individuali e società cartiere - con sede formale tra Niscemi (Caltanissetta), Acate e Vittoria - ma di fatto tutte gestite dalla sua società risultata sempre l’effettiva beneficiaria degli acquisti di merce intracomunitaria. Le imprese interposte, prive di struttura imprenditoriale, sono state utilizzate all’occorrenza per acquistare quantità di merce direttamente dai fornitori comunitari (austriaci e rumeni). In realtà la merce non sarebbe stata consegnata alla ditta che aveva effettuato l’ordine ma direttamente all’effettivo destinatario, P.O., beneficiario della frode. La cartiera, quindi, sarebbe stata interposta facendo da filtro nelle transazioni commerciali tra i fornitori europei e la società operativa acatese, effettuando gli acquisti comunitari di beni, che poi risultavano rivenduti sul territorio nazionale, solo formalmente, perché la merce era già stata recapitata al destinatario finale. Nel frattempo, la società interposta si sarebbe accollata, a seguito della fittizia rivendita, il relativo debito Iva, che poi non versava all’erario

Dal punto di vista documentale, la società di comodo di volta in volta utilizzata - inadempiente agli obblighi tributari - riceveva le fatture dai fornitori comunitari, senza applicazione dell’Iva (in virtù del meccanismo del Reverse charge, applicato per le cessioni all’interno di Stati dell’Unione Europea), procedeva poi a emettere fattura, rivendendo il bene - questa volta con applicazione dell’imposta sul valore aggiunto - a favore del predetto acquirente effettivo, a un prezzo imponibile inferiore a quello praticato dai fornitori comunitari (dunque, sottocosto) contravvenendo a ogni logica di guadagno. 

Gli ulteriori accertamenti, eseguiti con controlli incrociati hanno portato a individuare tutte le altre ditte e società (tre ditte individuali e quattro società) utilizzate dagli indagati per l’emissione delle fatture inesistenti strumentali alla realizzazione della frode. L'imprenditore acatese, che ha avuto un ruolo di primissimo piano nella vicenda, è risultato anche amministratore di fatto di due società di diritto rumeno utilizzate quali soggetti da interporre nelle operazioni commerciali intracomunitarie. 

Per le false fatturazioni di circa 4 milioni di euro, l'autorità giudiziaria iblea ha emesso un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca: immobili, autoveicoli e disponibilità su conti correnti per un totale complessivo di oltre 1,5 milioni di euro. Grazie al supporto fornito da Eurojust, è stato possibile sottoporre a sequestro somme di denaro anche in Romania

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews