Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, il gruppo della Lega adesso rischia di sparire
Difficile una nuova deroga. Caronia: «Lasciati soli»

La deputata ieri ha salutato il Carroccio. In precedenza lo aveva fatto Bulla. Restano Ragusa e Catalfamo, che però potrebbero ritrovarsi nel gruppo misto. Tecnicismi che mettono in luce le criticità di Salvini a prendere le misure della politica siciliana

Simone Olivelli

La Lega appare, la Lega scompare. Più che un gioco di prestigio, la testimonianza di come per Salvini prendere le misure della politica siciliana sia impresa più ardua di quello che si poteva credere. E le foto con arancini e cannoli sono servite a esorcizzare lo shock da adattemento, ma fino a un certo punto. All'indomani della decisione di Marianna Caronia di lasciare il gruppo, la notizia più importante è rappresentata dalla possibilità che, sette mesi dopo il suo debutto, il gruppo parlamentare della Lega all'Ars potrebbe sparire. Orazio Ragusa e Antonio Catalfamo - gli ultimi due superstiti - potrebbero scegliere di non tentare di chiedere una nuova deroga all'ufficio di presidenza di sala d'Ercole, accettando il dato di fatto per cui, secondo il regolamento dell'Assemblea, in meno di quattro non è possibile formare un gruppo. E ultimamente dalle parti del Carroccio ci si sente come gli amici al bar di Gino Paoli. Da quattro si è passati prima a tre, dopo che Giovanni Bulla è tornato tra le braccia dell'Udc, e adesso a due. 

A spingere Caronia verso il ritorno al gruppo misto - tanto all'Ars quanto al consiglio comunale di Palermo - sono state le parole del commissario leghista Stefano Candiani sull'opportunità di valutare la possibilità di modificare la legge elettorale regionale e passare ai listini bloccati. Il quadro però è più complesso e parla di una Lega che ancora oggi non è riuscita a trovare il giusto compromesso tra il leaderismo che la contraddistingue, non solo sul piano mediatico, e il fatto che in Sicilia di leghisti nati tali al momento non c'è nessuno. Specialmente tra chi occupa gli scranni di palazzo dei Normanni. Che Catalfamo, Ragusa, Bulla e Caronia provenissero da altri partiti lo si sapeva dal primo momento, ma per un po' ci si è convinti che questo fosse un valore aggiunto. I problemi sono però sorti quando i nodi sono venuti al pettine. 

«Non mi pento della scelta di avere aderito alla Lega - dichiara a freddo Caronia a MeridioNews - ma è stata un'esperienza che non è andata come immaginavo. Siamo stati lasciati da soli anche in momenti delicati come l'approvazione della finanziaria in piena emergenza Covid-19». La deputata palermitana ieri è stata definita «una persona complicata» da Candiani, che ha poi alluso al suo trasformismo. «Io sono stata eletta con Forza Italia e poi sono passata al misto, da lì alla Lega - replica -. Adesso torno nel misto. Per il resto mi limito a constatare che per Candiani esprimere dissenso e non accettare il pensiero unico è un atteggiamento che crea complicazioni».

Lo scossone in casa Lega arriva a pochi giorni dalla decisione proprio di Candiani di strutturare meglio il partito, con la nomina di due vicesegretari. «Un conto è l'organizzazione interna, un altro la capacità di radicarsi nel territorio - va avanti Caronia -. A me sembra che Salvini punti molto sullo stare tra la gente, mentre in questi mesi non è stato fatto altrettanto in Sicilia. Anzi, si pensa che sia giusto togliere la possibilità agli elettori di scegliere i propri rappresentanti». In merito al rapporto con l'elettorato, Candiani ieri ha sostenuto che Caronia «parla di ogni scelta politica in ragione del "mio elettorato", dei "miei voti", dei "miei amici che mi hanno sostenuto"». Frasi che non sono andate giù all'ormai ex leghista. «Non vedo cosa ci sia di strano nel sentirsi responsabili nei confronti delle persone che hanno deciso di darmi fiducia. Se per Candiani questo significa essere clientelari, è un pensiero suo. Di cui però - conclude Caronia - deve assumersi le responsabilità».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews