Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Eolie, si lavora ancora per liberare il capodoglio
«Tolta parte della rete, ma non è facile trovarlo»

Il cetaceo è ferito e si dimena per il dolore, non lasciandosi avvicinare e rendendo così più complicate le operazioni di rimozione della spadara che gli stringe lacoda. Nella notte si è inabissato e ha fatto perdere le sue tracce, ma il team di soccorso non si arrende

Redazione

Foto di: Carmelo Isgrò

Foto di: Carmelo Isgrò

Proseguono per terzo giorno le operazioni di soccorso del capodoglio avvistato al largo di Salina con una grossa spadara aggrovigliata sulla coda. Anche stanotte si è cercato di liberare l'animale, ferito e sofferente e in parte i sub sono riusciti a tagliare alcune maglie della rete, che potrebbe essere lunga anche chilometri. «Ieri sera il Capodoglio (a cui è stata tolta solo parte della rete che lo imprigionava ma che ha ancora molta rete impigliata nella coda) ha cominciato a fare delle immersioni sempre più lunghe, prima da 8 minuti poi via via fino ad oltre mezz'ora per singola immersione» spiega il biologo marino Carmelo Isgrò, che segue da vicino le operazioni.

«Poiché spesso riemergeva distante dal punto di immersione non era facile individuarlo al suo ritorno in superficie e al calar della sera è stato perso di vista. Stamattina siamo tutti alla sua ricerca e speriamo che oggi possa essere avvistato e che sia magari un po' più stanco di ieri in modo da lasciarsi aiutare». Un lavoro estenuante, che vede impegnate moltissime persone. «Va sottolineato che il tentativo di ieri di liberarlo dalla rete è stato un grande lavoro di squadra che ha visto in prima linea gli uomini della Guardia costiera, sia di Lipari che poi della "Diciotti" (che ci hanno scortato per tutta la notte) e ancora dopo del nucleo sommozzatori della Capitaneria di Porto di Napoli. Ragazzi che hanno dimostrato un coraggio incredibile. Vi assicuro che operare con dei coltelli su un animale di 10 metri che si dimena come un pazzo per il dolore e che ha la forza per spostare agilmente le 15 tonnellate del suo peso non è una cosa da poco».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews