Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il flop del primo convegno dei gilet arancioni siciliani
Ritardi, assenze e l'annuncio di una lista alle elezioni

Cinquanta persone al President Park Hotel di Aci Castello. «La sfida è confrontarci col potere», dice il presidente Peter Colletti. Niente videochiamata col generale Pappalardo e manca all'appello pure il sindaco di Messina Cateno De Luca. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Un’ora di ritardo riempita con un video motivazionale sulle note di Chevaliers de Sangreal di Hans Zimmer, la colonna sonora del film Il Codice da Vinci. Atti d’accusa, reiterati inviti ad applaudire e una passione sfrenata per il Marocco. Quella che sembra una convention motivazionale degna dei migliori palcoscenici è, in realtà, il primo congresso regionale dei gilet arancioni siciliani. Il movimento guidato dal generale in congedo Antonio Pappalardo - noto alle cronache per essersi fatto promotore della strampalata teoria che nega l’esistenza della pandemia - tra assenze inattese e guasti tecnici, si è riunito ieri pomeriggio nella sala congressi del President Park Hotel, ad Aci Castello

Obiettivo? «Cambiare musica». Ma dopo più di un’ora, l’evento non è cominciato e la musica è sempre quella: Chevaliers de Sangreal di Hans Zimmer. Dopo aver consegnato la prima tessera di partito al fratello del generale e presidente regionale Pietro Pappalardo, simpatizzanti e sostenitori - poco più di cinquanta persone in tutto - raggiungono la postazione allestita all’ingresso della sala congressi per procedere al tesseramento con un costo di dieci euro. Di quello che dagli stessi gilet viene definito un movimento «apolitico e apartitico», poco dopo viene annunciato la presentazione di una lista per le elezioni amministrative a Termini Imerese, in provincia di Palermo. 

«Perché - sostiene convinto il presidente onorario - ci danno al 5 per cento ma, in realtà, siamo al 20». Tutta colpa della stampa che, senza distinzione di sorta, per i gilet sarebbe «al soldo dei poteri forti». Ed è il presidente regionale Peter Colletti ad ammettere che, in effetti, «la nostra sfida è quella di riuscire a confrontarci con il potere». Quanto Peter era ancora Pierluigi, nel 2018, ricopriva l’incarico di consigliere di amministrazione in Asec, la partecipata del Comune di Catania che si occupa della gestione del gas in città. 

Seduti accanto a Colletti ci sono il segretario provinciale Amedeo Schembri e Maurizio Francesco Loritto. Agente immobiliare il primo, imprenditore con una smodata passione per le moto il secondo. «Al governo sono tutti incompetenti, incapaci e pagati per distruggere l’Italia», sentenzia Loritto. Ma quando dal pubblico un coro di voci chiede da chi sono pagati loro, l’esigenza di un confronto con i poteri forti svanisce e l’imprenditore si ritira in un laconico «su questo non mi sbilancio», invitando il pubblico all’applauso. Il primo di una lunga serie.

Nel frattempo, le telefonate tra il generale e i colonnelli si moltiplicano. Il nodo da sciogliere è la piattaforma su cui effettuare il collegamento. «Zoom non va bene generale - comunica Colletti a Pappalardo - la chiamiamo su Skype». Di quella videochiamata però non c’è stata alcuna traccia. E il mancato appuntamento con Pappalardo non è stato l’unico inconveniente a deludere le aspettative dei gilet presenti. A disertare il convegno è stato anche il primo cittadino di Messina Cateno De Luca, annunciato come ospite nel manifesto dell’evento. «Purtroppo sta vivendo una situazione delicata in famiglia - spiega Colletti - e per problemi personali non ci ha potuto raggiungere». 

Ma perché De Luca, il sindaco che dava la caccia al Covid con i droni, avrebbe dovuto prendere parte al primo congresso dei negazionisti della pandemia? «Perché in Sicilia abbiamo bisogno di uomini coraggiosi», replica Colletti. Una chiamata alle armi, dunque, per la quale le divergenze di opinione sul coronavirus non sembrano costituire un ostacolo. Ma la gente mormora: «Non hanno presentato neanche un programma». Il segretario regionale, dopo aver definito «infelice» l’osservazione dei partecipanti, sbotta: «Qua non è questione di programmi, ma di sopravvivenza». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews