Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

In Sicilia, solo cinque pc e tablet ogni cento alunni
«Quasi una famiglia su tre non ha internet a casa»

«L'emergenza più forte nell'isola riguarda la copertura della connessione», commenta a MeridioNews Vincenzo Smaldore, il direttore editoriale di Openpolis. Il dato emerge dal rapporto sulle disuguaglianze digitali. Naviga nelle mappe

Marta Silvestre

Il 30,6 per cento delle famiglie siciliane non ha una connessione internet a casa. Un dato che, rispetto alla media nazionale, è di 6,7 punti percentuali in meno. «È questa l'emergenza più forte nell'Isola», commenta a MeridioNews Vincenzo Smaldore, il direttore editoriale di Openpolis. La fondazione che, insieme all'impresa sociale Con i bambini, ha realizzato il nuovo rapporto sulla povertà minorile. Oltre a quelle sociali, economiche ed educative, il coronavirus ha fatto affiorare anche le disuguaglianze digitali. Tra famiglie con scarse possibilità di accesso alla rete e scuole con poche dotazioni tecnologiche, il divario digitale va veloce. Molto meno internet e le competenze dei ragazzi. 

«Il 21 per cento delle famiglie siciliane non è raggiunto dalla banda larga - analizza Smaldore - perché vive in territori che non sono proprio serviti. A questo si aggiunge che, in molti casi, l'accesso a internet veloce non è stata considerata una spesa fondamentale». Anche in posti in cui la copertura ci sarebbe, il problema è stata la sottovalutazione della necessità. «Il mercato è stato sbilanciato sull'acquisto di smartphone che, però, in una situazione di crisi imprevista come quella dovuta al Covid-19 - prosegue - si sono rivelati, in molti casi, strumenti inadatti». Basti pensare che molte delle piattaforme utilizzate per la didattica a distanza non erano pensate per essere fruite dai cellulari.  

Da casa a scuola la situazione non migliora di molto. In Sicilia per ogni cento alunni, infatti, negli istituti scolastici in media sono disponibili cinque dispositivi tra computer e tablet. A Palermo, il 14,2 per cento degli alunni frequenta una scuola senza pc (e un altro 46,6 per cento va in classe in strutture per cui il dato non è disponibile per l'anno accademico 2018-2019). Una base di partenza insufficiente, per cui la Regione ha ottenuto 7 milioni di euro di finanziamenti straordinari per l'emergenza Covid assegnati alle scuole - con l'ultimo bando Pon di aprile 2020 - per l'acquisto di pc, tablet e dispositivi per la connessione internet

«La Sicilia, come altre aree del Sud - sottolinea Smaldore - è più avvantaggiata nelle strategie dei fondi europei». Proprio per via della situazione di partenza più critica. «Gli stanziamenti durante il Covid sono stati proporzionati a due elementi: da una parte - spiega il direttore editoriale di Openpolis - il numero dei minori (sul totale della popolazione) e, dall'altra, il reddito medio regionale». Alto il primo e basso il secondo, sono stati questi dati a posizionare la Sicilia tra i territori che hanno ricevuto più fondi per l'acquisto di strumenti digitali. «Questo però - fa notare - non vuol dire che in automatico tutti i ragazzi saranno dotati di pc e tablet. Adesso, infatti, ci sarà la necessità di monitorare gli acquisti e come sono stati distribuiti i dispositivi». 

Le disuguaglianze, però, vanno ben oltre quelle strettamente digitali. C'è un divario educativo che non potrà essere compensato soltanto con più computer e tablet. «La carenza di strumentazione nelle scuole e il limite infrastrutturale di alcuni territori durante la pandemia - afferma Smaldore - hanno fatto arrivare al pettine, nel peggiore dei modi, il nodo delle competenze digitali». Avendoli tra le mani, i ragazzi quei dispositivi devono anche saperli usare, e bene. «C'è l'iIlusione che siano nativi digitali e, quindi, smart - conclude - In realtà, anche i più giovani hanno bisogno di imparare a utilizzare bene questi dispositivi tenendo conto pure dell'importanza della consapevolezza della cittadinanza digitale». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews