Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Si candida a sindaco con la carta intestata della Finanza
«Incarico ad amico, forse è stato un hacker». Gdf indaga

L'invito per la conferenza del candidato a Vittoria, Nello Dieli, è arrivato su carta intestata della guardia di finanza. «Sono in corso accertamenti», dice a MeridioNews il comandante Giorgio Salerno. L'aspirante primo cittadino intanto ha «stoppato tutto»

Marta Silvestre

Una mail che ha per oggetto «Convocazione conferenza stampa» è arrivata alla mail della redazione di MeridioNews alle 20.53 di ieri sera. L'indirizzo da cui è stata inviata è nellodielisindaco@gmail.com. Il corpo della mail è vuoto e la notizia sta tutta in nell'allegato, un file Word, con cui i giornalisti vengono invitati a una conferenza stampa per la presentazione della candidatura a sindaco di Vittoria di Nello Dieli. Fin qui nulla di strano. 

Se non fosse che le dieci righe di comunicato sono scritte nella carta intestata del comando provinciale della guardia di finanza di Ragusa. Con tanto di loghi del grifone a destra e sinistra e l'intestazione a piè di pagina con l'indirizzo e i numeri di telefono e fax delle fiamme gialle iblee. Ma che c'entra Nello Dieli, funzionario dell'Asp di Ragusa, con la guardia di finanza? In realtà niente. «Stiamo facendo accertamenti per capire cosa sia successo», dichiara a MeridioNews il comandante provinciale della guardia di finanza di Ragusa Giorgio Salerno

«C'è un'indagine in corso e, quindi, al momento abbiamo stoppato tutto», spiega a questa testata l'aspirante (adesso incerto) primo cittadino di Vittoria che nelle forze dell'ordine non ha mai ricoperto nessun ruolo né avuto alcun incarico. Intanto, dopo il bizzarro episodio, la conferenza stampa prevista per oggi pomeriggio alle 17 nella sede di via Rattazzi è stata annullata. «Oggi ho anche avuto un lutto in famiglia - spiega - Stanotte sono stato fino alle 2.30 al comando della guardia di finanza dove sono stato convocato per chiarire la questione». E, infatti, sono in corso approfondimenti per risalire all'origine di quello che al momento sembra essere un macroscopico errore di comunicazione. «Non ci sono particolari elementi di preoccupazione in merito alla vicenda - aggiunge il comandante Salerno - ma ci stiamo comunque lavorando».

«Non sono stato io - ammette Dieli per rispondere alla domanda su come sia stato possibile - Non so cosa sia successo perché mi sono affidato a un mio amico». Il mittente materiale, al momento, resta anonimo perché il comunicato, nonostante sia previsto dall'ordine dei giornalisti, non è firmato. «Non c'è nulla che mi faccia pensare a uno scherzo fatto di proposito dalla persona a cui mi ero affidato - aggiunge Dieli - Credo possa essersi trattato di un hacker». O più probabilmente di un errore da dilettante al quale, una decina di minuti dopo, si è provato a rimediare con un errata corrige. «Chiedo scusa, ma per un refuso è stato aggiunto un logo iniziale che nulla c'entra con la comunicazione precedente», si legge nel corpo della seconda mail. Anche questa senza firma. «Sarà una competizione estenuante e difficile», aveva annunciato nel breve comunicato il candidato sindaco senza sapere, però, che le prime difficoltà sarebbero nate proprio da questo. «Al momento, non ritiro la candidatura - ammette Dieli - ma, per essere sincero, ci sto pensando». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews