Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Favara, rifiuti lasciati in strada ormai da una settimana
Il M5s porta tema all'Ars ma la sindaca è cinquestelle

Le difficoltà del Comune a stare al passo col canone mensile che spetta alle aziende che svolgono il servizio ha determinato un rallentamento negli stipendi dei netturbini. Da lì la protesta e la crisi sanitaria. Sullo sfondo però resta la faida interna al Movimento

Simone Olivelli

Foto di: Joni Gutierrez

Foto di: Joni Gutierrez

Rifiuti in strada da ormai una settimana e una situazione igienico-sanitaria che si aggrava sempre più. Sullo sfondo la riproposizione della faida interna al Movimento 5 stelle. Accade a Favara, dove la protesta dei netturbini, in credito di due mensilità, è arrivata ieri in Assemblea regionale siciliana per bocca del deputato Giovanni Di Caro. L'esponente pentastellato che, oltre a essere originario della località agrigentina, è dipendente dell'ente comunale. 

Di Caro si è rivolto alla giunta Musumeci affinché la Regione intervenga in qualche modo per riportare tutto alla normalità. «Il governo - ha detto ieri in aula il deputato - deve mettere fine a un circolo vizioso che alla fine finiscono per pagare i dipendenti, e, in ultima analisi, i cittadini che si trovano le strade invase dai rifiuti. Succede infatti che i Comuni non possono o non vogliono pagare le ditte che svolgono il servizio di raccolta, queste a loro volta non pagano gli operatori ecologici e questi entrano in sciopero con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti».

All'origine di tutto ci sono i ritardi nei trasferimenti delle somme che spettano alle aziende che raccolgono la spazzatura. A dovere pagare, chiaramente, è il Comune guidato dalla sindaca cinquestelle Anna Alba. «Abbiamo avuto problemi ad approvare in consiglio comunale la Tari 2019 e questo ha determinato uno stop al canone mensile di dicembre, per il resto siamo in linea con i pagamenti fino ad aprile di quest'anno - commenta la prima cittadina a MeridioNews - La situazione è senz'altro difficile e domani avremo un incontro in prefettura. Va sottolineato che dall'inizio della settimana non si tratta di un regolare sciopero, ma di un'astensione abusiva. Si rischia l'interruzione di pubblico servizio in una fase in cui, vorrei ricordare a tutti, che resta di emergenza sanitaria a livello nazionale».

Tra le difficoltà che da tempo Alba si trova a fronteggiare c'è senz'altro il non avere più un sostegno sicuro in consiglio comunale. Nonostante, infatti, sulla carta i consiglieri pentastellati siano 14, la metà ha voltato le spalle all'amministrazione. Una frizione che lo scorso autunno è sconfinata in una mozione di sfiducia che però non è stata approvata in aula. Tra i sette dissidenti ci sono anche due cognati di Di Caro. «Non voglio fare polemica - continua Alba - ma su questo tema c'è tanta strumentalizzazione: il Comune di certo non guadagna nulla nel fissare l'importo della Tari. La tassa sui rifiuti è una partita di giro e gli aumenti dipendono anche dai luoghi in cui siamo stati costretti a conferire. Discariche spesso molto lontane». 

La sindaca non esclude poi di chiedere i danni all'impresa. «Anche se di certo non è una novità, ricordo a tutti che i netturbini non sono dipendenti del Comune ma sono presi in carico dalle aziende che svolgono il servizio». Infine un appello al senso di responsabilità. «C'è chi lancia appelli a non pagare la Tari, ma è proprio grazie a questo contributo che si mette in condizione il Comune di potere pagare l'azienda e - conclude la prima cittadina - evitare situazioni come quelle che stiamo vivendo».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews