Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vulcano, albergatori preoccupati dopo sequestro fanghi
«Trovare soluzione nell'interesse di residenti e turisti»

Il provvedimento della procura nei confronti dell'area gestita dalla Geoterme Vulcano srl risale a qualche giorno fa. Oggi Federalberghi Isole Eolie lancia l'appello a salvare la stagione estiva

Redazione

Restituire i fanghi di Vulcano a residenti e turisti. Questo l'appello di Federalberghi Isole Eolie, dopo il sequestro dei giorni scorsi della pozza gestita dalla Geoterme Vulcano srl. All'origine dell'intervento della procura la decisione di apporre una recinzione sul promontorio da cui si arriva alla spiaggia. 

«In questi giorni - ha dichiarato Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole Eolie - ci siamo confrontati con la Geoterme Vulcano s.r.l. e soprattutto con il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, che sin da subito si è attivato alla ricerca di soluzioni che possano restituire alla comunità quella che rappresenta un’attrazione turistica e paesaggistica di primaria importanza per Vulcano e per le isole Eolie». 

«La chiusura della pozza ha gettato nello sconforto gli operatori turistici dell’isola che, già particolarmente provati dalla crisi in corso, si accingevano proprio in questo periodo a compiere lo sforzo maggiore, investendo le scarse risorse disponibili nella speranza di una stagione turistica che stenta a partire».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews