Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa, sequestrate quattro case a un pusher

Redazione

Su proposta avanzata dalla procura della Repubblica - gruppo misure di prevenzione, il tribunale di Catania - sezione misure di prevenzione ha disposto il sequestro di beni ritenuti riconducibili a Angelo Messina, più volte condannato in via definitiva per reati attinenti a traffici illeciti di sostanze stupefacenti e attualmente imputato per associazione per delinquere finalizzata al compimento degli stessi reati.

Tale provvedimento, finalizzato alla confisca, è stato eseguito nella giornata odierna dai carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale di Siracusa. Le investigazioni, condotte e declinatesi mediante la valorizzazione di attività intercettive e approfondimenti patrimoniali, hanno consentito di far luce sugli espedienti posti in essere da Messina per acquisire nel tempo un corposo patrimonio immobiliare nell’isola di Ortigia ostacolandone la riconducibilità alla sua persona.

Il provvedimento, emesso ai sensi del Codice antimafia, ha recepito le risultanze investigative dei carabinieri, che hanno dimostrato come Messina, dedito negli anni 1986-1999 e 2016-2017 in modo professionale al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, avvalendosi della collaborazione dei propri familiari, tutti pienamente coinvolti nella sua fiorentissima attività criminale, abbia acquisito quattro appartamenti nell’isola di Ortigia impiegando i proventi delle proprie attività illecite. 

Le indagini dell'operazione Galileo, particolarmente analitiche, hanno infatti messo in luce come Messina e il suo nucleo familiare in quegli anni percepissero redditi leciti talmente esigui da non potere giustificare l’acquisizione dei predetti immobili. Messina inoltre, sapendo di costituire figura criminale di particolare interesse per le forze dell’ordine, aveva scaltramente intestato la titolarità di tali appartamenti alla moglie e a uno dei figli, provvedendo altresì a separarsi fittiziamente dalla consorte, per avere modo di sostenere di non disporne. Approfondendo i profili di riconducibilità di tali immobili, i carabinieri hanno invece appurato che il predetto convive ancora stabilmente con la consorte e che ha in effetti fino a oggi goduto pienamente della disponibilità degli appartamenti.

(Fonte: comando provinciale dei carabinieri di Siracusa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews