Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Denunciato per 15 furti all'ospedale di Enna
Entrava nella struttura per accudire la nonna

Il 24enne di Calascibetta C. A. conosceva bene il reparto perché è anche un donatore di sangue. In casa gli agenti hanno trovato mascherine, gel, termometri e camici. Sul suo cellulare c'erano anche le foto della refurtiva. Guarda il video

Redazione

La squadra mobile della questura di Enna ha deferito all’autorità giudiziaria C. A., di anni 24, di Calascibetta, per furto aggravato continuato ai danni dell’ospedale Umberto I di Enna. Da mesi il centro trasfusionale del nosocomio subiva furti di ogni tipo, regolarmente denunciati. 

Il ladro, nel periodo di massima emergenza sanitaria e di carenza di presidi sanitari, aveva trafugato ogni cosa utile per il contrasto e il contenimento dell’epidemia da Covid-19, particolarmente per la protezione del personale sanitario e dei degenti. Le indagini condotte dalla squadra mobile avevano permesso di individuare una rosa di soggetti che potevano avere commesso i vari furti. 

Le risultanze investigative sono state rassegnate alla procura della Repubblica presso il tribunale di Enna che ha autorizzato gli investigatori a procedere a mirate perquisizioni. L’attività di ricerca di cose e tracce pertinenti ai reati ha dato esito positivo: il giovane di Calascibetta in alcuni nascondigli di casa aveva occultato parte della refurtiva. Il giovane aveva anche scattato delle fotografie della refurtiva che custodiva sul cellulare così come altre foto sarebbero state utili per commettere ulteriori furti di oggetti da lui individuati. 

In occasione dell’attività delittuosa, faceva ingresso di notte nella struttura ospedaliera con la scusa di andare ad accudire la nonna ricoverata per settimane in un reparto. Il ragazzo, dopo un’iniziale reticenza, ammetteva di aver commesso ben 15 furti, asportando ogni cosa che potesse risultare utile. Egli stesso conosceva il centro trasfusionale poiché donatore di sangue, quindi in quelle occasioni studiava cosa e come rubare. Oltre a sottrarre oggetti utili da lui utilizzati (come mascherine, detergenti per la sanificazione, termometri e camici) si è impossessato di molti presidi sanitari solamente per arrecare nocumento all’importate reparto preso di mira, stante che molto del materiale trafugato è stato rinvenuto dagli inquirenti in una scarpata vicino lo svincolo di Enna dell’autostrada Catania-Palermo. 

Dopo il rinvenimento di parte della refurtiva presso l’abitazione dei genitori (totalmente all’oscuro di quanto commesso dal congiunto), gli agenti della squadra mobile hanno recuperato ogni singolo oggetto della refurtiva buttato nella scarpata. Dopo la catalogazione di tutta la refurtiva recuperata, opportunamente sequestrata, la stessa, previa autorizzazione della magistratura, verrà restituita all’azienda ospedaliera che, previa verifica dell’integrità, conservazione ed efficienza, verrà impiegata dal personale sanitario per la cura dei pazienti. L’uomo, accompagnato in ufficio, dopo le formalità di rito, è stato deferito alla procura della Repubblica di Enna per furto aggravato continuato. 

(Fonte: questura di Enna)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews