Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sequestrate oltre 15mila bombole a rischio esplosione
Dentro meno gas del previsto, due indagati per frode

La guardia di finanza di Gela, nell'ambito dell'operaziona Fuga di gas, ha sequestrato 15.895 bombole di una società ennese di imbottigliamento di gas liquidi. Se immesse sul mercato, avrebbero fruttato 600mila euro. Guarda il video

Redazione

Pericolose per il rischio di incidenti ed esplosioni e riempite con quantità di prodotto inferiore al dichiarato. Per questo la guardia di finanza di Gela, coordinata dalla procura nell'ambito dell'operazione denominata Fuga di gas, ha sequestrato oltre 15mila bombole Gpl di una importante società ennese del settore di imbottigliamento di gas liquidi. 

Dopo alcuni mesi di indagini, i militari hanno ricostruito le condotte illecite realizzate dal rappresentante legale e da un socio dell’azienda, G.C. (di 56 anni) residente a Regalbuto (in provincia di Enna) e G.M. (di 65 anni) residente a Leonforte (Enna), entrambi originari di  Catania. Anche con l'intervento dei vigili del fuoco, sono state sequestrate 15.895 bombole, di varie capacità (da 25 a 7 chili), sia piene che vuote, contenenti Gpl con una capacità complessiva di accumulo di 222.170 chili

Il prodotto sequestrato - circa 30.000 chili - se immesso sul mercato avrebbe fruttato ricavi per circa 600mila euro. I due indagati sono stati denunciati per frode nell’esercizio del commercio, divieto di fabbricazione, detenzione, trasporto e vendita di prodotti esplodenti, condotte integrate nella commercializzazione all’ingrosso, in diverse province della Sicilia orientale ( Caltanissetta, Ragusa, Enna e Messina) e presso operatori della Calabria e del Lazio, di bombole di gas Gpl e altro gas esplodente irregolari. 

In particolare, le bombole erano custodite nei luoghi di lavoro senza rispettare gli obblighi di sicurezza e, in molti casi, provviste di revisioni e con i sigilli di garanzia con le relative punzonature - che riportano oltre alle caratteristiche di sicurezza anche le date delle revisioni decennali previste - spezzate o asportate. In alcuni casi, in quarant’anni è risultata effettuata una sola revisione . Dalle indagini sono emerse anche delle incongruenze sul quantitativo del prodotto esplodente venduto con le bombole: al momento del sequestro, infatti, dalla pesatura dei contenitori si è rilevato che la tara e il peso netto non corrispondevano a quanto indicato dal fabbricante in sede di riempimento

I due sono stati denunciati anche per i reati di sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sugli oli minerali, per aver sottratto Gpl o altro gas esplodente da alcune bombole, superando le soglie consentite nelle operazioni di riempimento e travaso dei combustibili. « Il prodotto - aggiungono i militari delle fiamme gialle - si presume venga rivenduto in nero, evadendo le imposte gravanti sulla vendita di tali prodotti». Quest'ultimo aspetto sarà oggetto di approfondimento

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×