Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, i consigli della psicoterapeuta #4
Come gestire bene il graduale ritorno alla vita

In tanti si interrogano su quale sia il modo migliore per affrontare questa nuova fase. Alcuni hanno esternato ansia e preoccupazione rispetto alla fine del lockdown. Ecco alcuni suggerimenti per vivere al meglio la riconquista della libertà

Foto di: Jan Tinneberg

Foto di: Jan Tinneberg

In tanti si sono interrogati in merito a quale fosse il modo migliore per poter gestire questa nuova fase. Alcuni pazienti hanno esternato ansia e preoccupazione rispetto al ritorno alla vecchia vita. «Quasi quasi mi ero abituato a stare a casa»; «ho un po’ paura di riprendere»; «non so se sono pronto»; «ma io non lo so se riuscirò a reggere i ritmi di prima». Queste, e tante altre, le frasi pronunciate e che albergavano dentro ciascuno prima della fine del lockdown con la tanto agognata conquista di libertà verso cui tendere, un traguardo auspicato ma intriso di perplessità, timori, interrogativi e domande insolute.

Elementi caratterizzanti il graduale ritorno alla vita
Noteremo, verosimilmente, che la delimitazione dentro/fuori segnata dalla porta di casa sarà sempre più labile. Durante la quarantena abbiamo familiarizzato con le emozioni dell’isolamento, da giorno 4 maggio stiamo assaporando il gusto della coesistenza con il Covid-19. In molti, durante il lockdown, hanno fatto i conti con la noia e il vuoto ma hanno goduto di una certa percezione di simil-sicurezza; con la fase 2, viceversa, il vissuto emotivo preponderante potrebbe essere differente. Ciascuno è come se dovesse tentare, talvolta per prove ed errori, di recuperare lucidità e individuare il senso da affibbiare al nuovo decreto, alle nuove direttive. Nell’imminente futuro ci troveremo a essere parte integrante di un contesto sociale più partecipato e, presumibilmente, sarà difficile schivare i contatti diretti. Chi lo sa se faremo incetta di libertà a scapito della percezione di sicurezza.

Sentimenti ed emozioni
Ansia e paura potrebbero continuare a essere sentimenti evergreen. È normale provare ansia al cospetto del solo pensiero del Covid-19; sarebbe preoccupante il contrario. La paura, se da un lato ha la potenza di paralizzarci e farci vivere in uno stato di perpetua allerta, dall’altra è un’importante alleata capace di aiutarci a orientarci e proteggerci. Le emozioni di questa seconda fase richiamano alla mente le peculiarità di alcune psicopatologie, tra cui i disturbi d’ansia, i disturbi da sintomi somatici e la dimensione della costante diffidenza e sospettosità della personalità paranoide. Non sapere se si è sani o malati rende più evanescenti i confortevoli confini tra salute e patologia psichica. Trovandoci in una fase di adattamento non sappiamo ancora se saranno sufficienti, seppur necessari, il distanziamento sociale, le mascherine e il lavaggio delle mani.

Oms: «Non allentare su misure igiene e distanziamento»
Le svariate ricerche internazionali che hanno valutato l’effetto dell’emergenza epidemiologica a livello psicosociale, dipingono il ventaglio di azioni tutelative da adoperare per contrastare il pericolo di sviluppare un disagio psicologico. L’Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) rileva la centralità di fattori di protezione quali il mantenere attive le relazioni sociali, di pari passo a uno stile di vita sano. Il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ricorda di «non rilassarsi sulle misure di base come lavarsi le mani e mantenere il distanziamento sociale, così come è importante proseguire con il tracciamento dei contatti».

Cosa fare
- Porre in essere un atteggiamento sia proattivo sia cooperativo;
Essere aggiornati quotidianamente, seppur non in modo eccessivo, basandosi su informazioni reperite tramite fonti attendibili circa gli strumenti di prevenzione;
- Pensare che è normale sentirsi tristi, ansiosi o confusi, preoccupati o adirati;
- Riflettere in merito al fatto che parecchie altre persone in tutte le parti del mondo, stanno esperendo la stessa situazione;
- Pensare che è solo una fase di parziale e graduale riapertura per ripristinare progressivamente le consuetudini che abbiamo perduto in quasi due mesi di lockdown;
- Essere coscienziosi per non vanificare i sacrifici e gli sforzi effettuati finora;
- Cercare di continuare a riflettere, guardandosi dentro, tentando di comprendere meglio chi siamo e, se possibile, lavorare su se stessi tentando di migliorarsi facendo tesoro di questo, seppur difficile e insolito, tempo sospeso.

Dott.ssa Antonietta Germanotta
Psicologa e psicoterapeuta familiare - Psicotraumatologa EMDR
Sito web -
Pagina Facebook

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews