Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agricoltura, proposta contro finti contratti e caporalato
«Avvantaggiare le aziende regolari anche nei bandi»

La soluzione trovata dai sindacati in Sicilia potrebbe essere un modello replicabile anche a livello nazionale. Russo (Flai-Cgil): «Non si può combattere l'irregolarità solo con i controlli». Chiesto un tavolo in Regione

Gabriele Ruggieri

L'emergenza legata alla diffusione del Covid-19 ha costretto le amministrazioni nazionali e locali a stravolgere la propria agenda politica, spinte anche dalla necessità di dare delle risposte immediate a interi comparti travolti dalla crisi figlia dell'emergenza. È il caso dei tanti immigrati irregolari che lavorano nei campi per cui il decreto rilancio, al varo dal Governo Conte, offrirà la possibilità di concedere un permesso di soggiorno a termine di tre mesi. Una proposta che sicuramente ha fatto discutere, riscuotendo critiche e consensi tra le varie anime degli schieramenti. 

Nel solco del cauto ottimismo si inserisce il sindacato degli agricoltori. «Dare un permesso di soggiorno temporaneo può essere un inizio - spiega Tonino Russo, segretario generale della Flai-Cgil Sicilia - in questo momento il Consiglio dei ministri sta ragionando proprio sul tema e potrebbe essere un primo passo per potere regolarizzare in maniera definitiva queste persone. Regolarizzare i migranti significa togliere tante persone che vengono in Italia e finiscono per essere sfruttate dalle aziende che applicano il sottosalario e dal caporalato». 

Ma come evitare che la parità di diritti salariali tra italiani e stranieri neoregolarizzati finisca con l'emarginare questi ultimi o ancora peggio scada nel solito sistema di contratti fittizi per ammantare con una parvenza di legalità il consueto sfruttamento? La Flai-Cgil siciliana propone una sua soluzione, un modello che potrebbe risultare replicabile anche a livello nazionale. «Auspichiamo che i lavoratori migranti messi nelle stesse condizioni di quelli italiani possano lottare insieme a loro perché non ci sia più sfruttamento e sottosalario - continua il sindacalista - Ci stiamo battendo perché in tutti i territori e in tutte le province nasca la rete del lavoro agricolo di qualità territoriale. Una che raggruppi tutte le aziende sane, quelle che rispettano i contratti di lavoro, le norme sulla sicurezza, che rispettano l'ambiente. È a quelle aziende che bisogna dare valore, dare una certificazione etica, dare maggiore punteggio nei Psr, per i bandi per le mense scolastiche, per gli ospedali, dando così valore alla legalità».

Una proposta che pare sia già sul tavolo del presidente Nello Musumeci e che potrebbe anche concretizzarsi in un vicino futuro. «Abbiamo chiesto alla Regione Siciliana di istituire un tavolo con tutti i soggetti coinvolti: ispettorato del lavoro, organizzazioni sindacali, organizzazioni datoriali, ma anche le forze dell'ordine e gli enti preposti al controllo e alla vigilanza - conclude Russo - Riteniamo che solo i controlli non possono risolvere il problema, dobbiamo creare un sistema dove alle aziende legali, quelle che regolarizzano i lavoratori con un contratto, si dia valore». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews