Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Spiagge libere su prenotazione e ingressi limitati
Sindaci: «Regole inattuabili, le vogliono chiudere?»

Il documento dell'Inail per la fruizione delle spiagge impone paletti molto stringenti. Preoccupati i sindaci siciliani da Taormina alle Eolie, passando per le bandiere blu Pozzallo a Santa Teresa di Riva. «App? Volontari? Turni orari? Inapplicabili»

Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

Come sarà l'estate 2020 nelle spiagge? Con ombrelloni distanti almeno quattro metri e mezzo. Nessuna attività ludica. Distanziamento sociale non solo sulla sabbia ma anche in acqua. Le postazioni per ogni ombrellone recintate con il nastro. E ancora: per andare a mare bisognerà prenotarsi su un'app o su un sito. Ed essere controllati in ingresso. Queste sono le regole, valide sia per i lidi che per le spiagge libere, contenute nel documento ufficiale pubblicato ieri dall'Inail. Adesso sta al governo nazionale e a quelli regionali partire da queste linee guida per emanare ordinanze e decreti. «Certo - ragiona più di un sindaco - ora che l'Inail si è pronunciata, difficile che le Regioni si prendano la responsabilità di distanziarsi molto da questo documento». Venti pagine che, a detta di tanti primi cittadini siciliani, sono «assolutamente inapplicabili». 

Da Taormina alle isole Eolie, passando per le spiagge bandiera blu di Santa Teresa di Riva e Pozzallo, il coro, dopo aver letto le linee guida, è unanime: «È un protocollo irrealizzabile. Se questa è l'asticella che pongono, forse vogliono chiudere le spiagge libere». Al di là degli stabilimenti balneari (dove non mancano le voci di protesta), sono i sindaci a essere preoccupati e perplessi. D'altronde in Sicilia il 78 per cento delle spiagge sabbiose è di libera fruizione, contro una media nazionale del 42 per cento e punte superiori al 60 per cento in Liguria e Campania. 

Per le spiagge libere il documento prevede distanza minima tra le file degli ombrelloni di cinque  metri, quella tra ombrelloni della stessa fila di quattro metri e mezzo. Lettini, sdraio e sedie devono stare ad almeno due metri dall'ombrellone attiguo. Le distanze interpersonali possono essere derogate per i soli membri del medesimo nucleo familiare o co-abitante. Vietata la pratica di attività ludico-sportive che possono dar luogo ad assembramenti e giochi di gruppo (aree giochi, feste/eventi).

All'ingresso delle spiagge vanno collocati cartelli in diverse lingue contenenti indicazioni chiare sui comportamenti da tenere. E ancora: «Va preliminarmente mappato e tracciato il perimetro di ogni allestimento (ombrellone/sdraio/sedia), ad esempio con nastri (evitando comunque occasione di pericolo)». Così si potrà «individuare il massimo di capienza della spiaggia anche definendo turnazioni orarie e prenotazione degli spazi codificati, anche attraverso utilizzo di app/piattaforme on line». Si dice genericamente che «devono essere assicurate opportune misure di pulizia della spiaggia e di igienizzazione delle attrezzature comuni». Chi dovrà controllare? L'Inail invita i Comuni ad affidare la gestione delle spiagge «ad enti/soggetti che possono utilizzare personale adeguatamente formato, valutando altresì la possibilità di coinvolgimento di associazioni di volontariato, soggetti del terzo settore, ecc».

Uno scenario che per i sindaci è a cavallo tra utopia e mancanza di rispetto istituzionale. «Sanno quanto tempo passa per affidare un servizio simile? - si chiede il sindaco di Taormina, Mario Bolognari - E chi è che si mette a gestire una cosa così complessa con un'app? E l'app chi la deve sviluppare? O le prenotazioni le facciamo via email? "Lei può andare a mare dalle 8 alle 10, lei dalle 10 alle 12". Quanti volontari ci vorrebbero? O questi volontari poi si fanno pagare e allora non è più spiaggia libera? Né è pensabile che i Comuni possano accollarsi spese non previste da nessun bilancio e con il disastro scaturito dell'emergenza. A questo punto la risposta dovrebbe essere: chiudiamo le spiagge libere? Ma come si fa a negare il mare a chi non ha soldi?».

Sotto la responsabilità del sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, ricadono tutte le isole Eolie, esclusa Salina. «Ho più chilometri di spiaggia di una normale provincia - spiega - Non solo queste linee guida sono irrealizzabili, ma non chiariscono di chi sarebbero le responsabilità in caso di contagio. Del titolare del lido? Del sindaco per le spiagge libere? O dei volontari che dovrebbero controllare? Così si spingono gli operatori privati a non aprire. Questo per la nostra economia sarebbe il collasso definitivo e a fine estate dovremmo affrontare problemi di ordine pubblico. Confido che la Regione non recepisca così com'è questo documento».

A Santa Teresa di Riva, per il quarto anno bandiera blu, si lavora per offrire i servizi che l'hanno resa una spiaggia molto amata dai bagnanti. «Spiaggia per i cani, vigilanza, differenziata, passerelle per disabili, docce - fa l'elenco il sindaco e deputato regionale Danilo Lo Giudice - Farò di tutto per garantire gli alti standard a cui siamo abituati. Ma ho 24 accessi al mare, come dovrei controllarli?». Stessa domanda che si pone il collega di Pozzallo, Roberto Ammatuna. «Le nostre spiagge sono immense e il rischio assembramento è ridotto - dice - ma che credibilità hanno le istituzioni se sulla carta stabiliscono regole ferree che poi nessuno può fare rispettare? È facile - conclude - impartire ordini e lasciare i sindaci sul territorio a fronteggiare le persone».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews