Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Alcamo, confisca milionaria per i fratelli Coppola
L'uso di prestanome e la protezione di Cosa nostra

Destinario del provvedimento è stato anche Gaetano Manno, l'uomo già indagato per associazione mafiosa, a cui in passato erano state intestate le quote della Trasport Scavi, l'impresa ideata appositamente da Nicolò Coppola per realizzare lavori pubblici

Redazione

Confisca da 1,7 milioni di euro ad Alcamo. I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani, questa mattina, hanno eseguito il provvedimento emesso dal tribunale nei confronti di Nicolò e Leonardo Coppola, i due eredi del padre Francesco, e del loro prestanome Gaetano Manno. I tre erano già finiti sotto la lente della magistratura per intestazione fittizia di beni

L'indagine Alqamah, a partire dal 2011, aveva svelato le modalità con cui soggetti condannati in via definitiva per mafia fossero comunqe riusciti a rimanere all'interno del tessuto economico attraverso l'uso di teste di legno, a cui venivano intestate le società. 

Dagli approfondimenti patrimoniali è emerso che Nicolò Coppola abbia intestato al fratello Leonardo, al padre Francesco e al fidato Gaetano Manno - quest'ultimo già indagato nell'operaziojne antimafia Bagolino, insieme al reggente della famiglia di Alcamo Antonino Bonura - le quote della società Trasport Scavi srl. L'impresa, secondo la ricostruzione del tribunale, sarebbe stata costituita appositamente per realizzare importanti lavori come la strada provinciale 47 Alcamo-Castellammare del Golfo e il parco eolico di Alcamo e Partinico. Opere che avrebbero goduto della protezione di Cosa nostra.

La confisca è stata disposta per le società Trasport Scavi e I.c.s. srl, due villini, una partecipazione societaria e undici rapporti bancari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×