Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Fase 2, per i cantieri privati la ripartenza è ancora lontana
I costruttori: «Costi e rischi legali non ricadano su di noi»

L'edilizia privata sarebbe dovuta ripartire lunedì, ma gran parte dei cantieri è ferma. «C'è difficoltà a reperire i dispositivi di protezione individuale», denunciano sindacati e imprese. Ma sul tavolo c'è soprattutto la questione delle spese per la sicurezza

Salvo Catalano

Lo sforzo economico e organizzativo compiuto per far ripartite la più grande opera pubblica in Sicilia, il raddoppio ferroviario tra Catania e Palermo, rischia di scoraggiare i cantieri dell'edilizia privata per cui in teoria la fase 2 sarebbe dovuta iniziare lunedì. Ma che, nei fatti, sono rimasti in gran parte fermi. 

«L'edilizia privata ha molti problemi non tanto nell'organizzazione del lavoro, quanto piuttosto per il reperimento dei dispositivi di protezione individuale», spiega Giovanni Pistorio, segretario della Fillea Cgil di Catania. È ancora difficile per le imprese trovare mascherine adatte e certificate, dispenser per l'igienizzante e tutto quello che è previsto nell'ultimo Dpcm del governo nazionale. «Anche le forniture sono a rilento - continua il sindacalista - perché il materiale, almeno su Catania e provincia, non è disponibile nell'immediato. In più, stiamo vivendo una fase in cui molte aziende, alla luce delle spese in più da affrontare, vorrebbero rinegoziare i contratti».

La conferma arriva anche dall'Ance, l'associazione nazionale costruttori edili. «Il governo ci ha lasciati soli - denuncia il presidente etneo Giuseppe Piana - Sono molti gli aspetti che ci lasciano perplessi e che spingono la gran parte di noi imprenditori a non ripartire. Io stesso nei miei cantieri non riprenderò finché non ci sarà chiarezza in sede governativa». 

I costruttori puntano il dito soprattutto su due fattori: l'aumento dei costi per aggiornare il piano sicurezza dei cantieri e i rischi legali per i datori di lavoro in caso di contagio dei dipendenti. «È stato equiparato in maniera automatica l'eventuale contagio a un infortunio sul lavoro - sottolinea Piana - senza la necessità di dimostrare il nesso causa-effetto. Nessuno si prenderebbe la briga di accertare se il contagio è avvenuto sul posto di lavoro o in un altro contesto». 

Sul fronte delle spese, oltre ai dispositivi di protezione individuale, preoccupano i costi indiretti. «Ci sarà un inevitabile rallentamento della produttività - continua il rappresentate dei costruttori di Catania - Meno operai per garantire il distanziamento significa tempi più lunghi. Questi costi non potranno ricadere sulle imprese, vanno ribaltati sulla committenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×