Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cateno De Luca ordina l'astinenza sessuale fino a ottobre
«No a baci e abbracci. Anche a letto un metro di distanza»

Abito blu e interprete della lingua dei segni alle spalle. Il sindaco di Messina imita e contesta il premier Giuseppe Conte. «Non accetto il decreto entrato in vigore e non mi adeguo alle disposizioni del presidente Nello Musumeci», aggiunge il primo cittadino

Marta Silvestre

«Se vi becco a gruppi di due o tre persone abbracciati romanticamente: multa. Non sono consentiti baci, non sono consentiti abbracci, non è consentito fare altro». Il primo cittadino di Messina Cateno De Luca, nella sua ultima diretta social, imita il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte - con tanto di abito blu e alle spalle una interprete della lingua italiana dei segni - per spiegare come sarebbe stato il suo decreto per la fase 2 dell’emergenza coronavirus. 

Il sindaco-sceriffo detta regole di vita non solo pubbliche, ma anche private. «Per ora dobbiamo essere in astinenza al cubo - dice il primo cittadino con un tono piuttosto acceso - Guai a chi viola l’ordine dell’astinenza. Si va a pescare da soli. E anche a casa bisogna stare distanti almeno un metro, anche a letto. Visto che il mio sosia (il premier Conte, ndr) non ha avuto il coraggio di dirvelo, ve lo dico io: fino al 31 ottobre astinenza». 

Un'incursione nelle case - e nelle camere da letto - dei messinesi che Scateno fa per contestare l'ultimo provvedimento governativo che «è figlio del vorrei ma non posso - commenta - Noi a Messina abbiamo, invece, deciso di decidere: non accetto il Dpcm entrato in vigore con queste scadenze scriteriate». Intanto, De Luca ha fatto sapere che la città di Messina «non si adeguerà alle disposizioni dettate dal presidente Nello Musumeci». 

Quella a cui il primo cittadino peloritano non si allinea è l'ordinanza regionale in cui si autorizza l'apertura di cimiteri, attività di tolettatura per animali, pesca sportiva, spostamento imbarcazioni, sistemazione delle strutture balneari e pulizia spiagge, aperture circoli e società sportive per attività all’aria aperta. «Queste attività - sottolinea il sindaco - non sono previste nel decreto del governo, anzi si pongono in aperto contrasto». Su questo, il primo cittadino ha inviato un quesito al premier Conte e «fino a quando non riceverò risposta - aggiunge De Luca - a Messina non apriremo nulla che sia oggetto di violazioni delle disposizioni normative e che esporrebbero i titolari a contravvenzioni e sospensione dell’attività».

Altro punto critico riguarda la possibilità di fare rientro nella propria abitazione, residenza e domicilio prevista dall’ultimo decreto e che invece è esclusa per la Regione Siciliana. Il sindaco tira in ballo di nuovo Si passa a condizione, la banca dati che aveva attivato per registrare gli ingressi nell'Isola. Una misura che, dopo il parere negativo del Consiglio di Stato, è stata annullata dal governo. «Anche su questo - puntualizza De Luca - attendo un chiarimento dal presidente Conte, per non dovere assistere nuovamente all’esodo di massa di persone che, giunte a Villa San Giovanni, non sapranno se potranno raggiungere la Sicilia o se verranno trattenute sul suolo calabro, come già accaduto» 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews